Visita fiscale e fasce di reperibilità, esonero per sindrome depressiva?

Visita fiscale ed esonero delle fasce di reperibilità per patologia con sindrome depressiva, è possibile Analizziamo la normativa vigente.

Visita fiscale: l’Inps ha chiarito quando è possibile ottenere l’esonero delle fasce di reperibilità per la visita fiscale Inps. Analizziamo in quest’articolo quali patologie danno il diritto e cosa il medico deve indicare in ricetta per poter  fruire dell’esonero, rispondendo ad un quesito di un nostro lettore.

Visita fiscale: esonero fasce di reperibilità, la normativa

INPS precisa, che la normativa vigente non prevede l’esonero della visita fiscale, ma solo l’esonero dalle reperibilità, questo significa che il controllo potrà sempre possibile. (circolare Inps n. 95/2016).

Dovrà essere il medico curante certificatore ad applicare le “agevolazioni”, previste dai vigenti decreti quali uniche situazioni che escludono dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità.

La normativa distingue i lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico.

Visita fiscale esonero fasce di reperibilità settore pubblico e privato

I lavoratori dipendenti dai datori di lavoro privati possono essere esonerati dalle fasce di reperibilità nei seguenti casi:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%;

I lavoratori dipendenti provenienti dal settore pubblico, possono essere esonerati dalla fasce di reperibilità nei seguenti casi:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della “tabella A” allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella “tabella E” dello stesso decreto;
  • stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%.

Il medico curante dovrà apporre al momento della redazione del certificato e non può essere aggiunta ex post, proprio perché l’esonero è dalla reperibilità e non dal controllo.

Visita fiscale e fasce di reperibilità, è possibile l’esonero con patologia sindrome ansioso-depressiva?

Salve, desideravo sapere se con il certificato di malattia per sindrome ansioso-depressiva è possibile usufruire di esonero dall’obbligo di reperibilità per visita fiscale, o quantomeno permessi per andare ad effettuare controlli medici per patologie di cui si soffre, e/o per recarsi alle sedute di psicoterapia o altre attività consigliate dallo psicoterapeuta da cui si è seguiti. Grazie della cortese attenzione. Cordiali saluti

Come sopra descritto, per poter avere l’esonero delle fasce di reperibilità della visita fiscale bisogna trovarsi nella situazione di stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%, oppure patologie gravi che richiedono terapie salvavita. Entrambe le casistiche sono valide sia nel settore pubblico che in quello privato.

Nell’elenco delle patologie invalidanti che danno diritto all’esonero delle fasce di reperibilità, vengono considerate le malattie psichiatriche in fase di scompenso acuto e/o in tso.

In riferimento alla patologie gravi che richiedono terapia salvavita, la normativa vigente, ha individuato alcune specifiche patologie: chemioterapia, emodialisi, trattamento riabilitativo per soggetti affetti da AIDS, ecc.

L’esonero in questo caso deve essere dimostrato dal lavoratore con una adeguata certificazione in cui si evince la patologia, e deve configurarsi come patologia grave.

In riferimento ai permessi lavorativi per poter effettuare le prestazioni specialistiche, i vari contratti lavorativi CCNL prevedono permessi specifici. Nel quesito non viene specificato se dipendente pubblico o privato, comunque, in entrambi i settori sono previsti permessi per visite mediche specialistiche opportunamente documentati.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”