Visita fiscale e reperibilità, cambiano le regole: ecco tutte le novità

Visita fiscale con il Decreto Media, cambiano gli orari di reperibilità e non solo, tante novità: vediamo quali

La metodologia della visita fiscale è cambiata con l’entrata in vigore del DM 206/17. Vediamo quali sono le novità apportate, facendo un po’ di chiarezza.

Visita fiscale e la loro frequenza

L’articolo 2 del DM 206/17 stabilisce che le visite fiscali possono essere effettuate con cadenza sistematica e ripetitiva. I medici INPS possono effettuare le visite fiscali, in giorni ripetuti durante la convalescenza indicata nel certificato, in giorni festivi o di riposo settimanale e addirittura anche nello stesso giorno più volte. Prima, invece, la visita fiscale andava effettuata una sola volta durante la convalescenza della stessa malattia, lasciando libero il lavoratore dall’obbligo di reperibilità.

Mentre, con l’entrata in vigore del Decreto Media, si cerca di combattere i furbetti del weekend, cioè quei lavoratori che con l’avvicinarsi del fine settimana si dichiarano malati, ma non lo sono.

Un’altra novità introdotta e che la visita fiscale può scattare sin dal primo giorno di malattia. Nel primo periodo non ci dovrebbero esserci controlli a tappeto. I controlli scattano, soprattutto, quando il cervellone INPS indicherà i soggetti più a rischio, cioè quei soggetti che più volte hanno presentato un certificato di malattie nell’avvicinarsi del weekend.

visite fiscali

Visita fiscale e orari di reperibilità

Il lavoratore che ha presentato un certificato di malattia è obbligato alla reperibilità presso il proprio domicilio per le visite fiscali, in determinati orari.

Questi orari sono differenti per dipendenti pubblici e privati. I dipendenti pubblici dovranno trovarsi al proprio domicilio:

  • La mattina dalle 9:00 alle 13:00
  • Il pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00.

I dipendenti privati, invece dovranno essere reperibili:

  • La mattina dalle 10:00 alle 12:00
  • Il pomeriggio dalle 17:00 alle 19:00.

Quindi, come vediamo, non c’è stata uniformità, come preventivato in primo momento, di reperibilità oraria.

Visite fiscali: esoneri ed eccezioni

L’articolo 4 del Decreto Media stabilisce i casi di quando un lavoratore è esonerato dalle visite fiscali Inps.

I dipendenti, che sono esclusi dall’obbligo di reperibilità, sono quelli la cui assenza è dovuta ai seguenti motivi:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto;
  • stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Inoltre l’INPS ha affermato che gli accertamenti per lo stato di malattia professionale e infortunio sul lavoro restano di competenza dell’Inail

Visite fiscali Forze Armate e di Polizia, cambiano le regole nel 2018: tutte le novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.