Visita fiscale per dipedenti pubblici: l’invalidità non esonera dalle fasce di reperibilità

-
30/07/2019

Fasce di reperibilità della visita fiscale, ci si chiede se l’invalidità e successivo intervento chirurgico può essere oggetto di esonero.

Visita fiscale per dipedenti pubblici: l’invalidità non esonera dalle fasce di reperibilità

Esonero delle fasce di reperibilità della visita fiscale, ci si chiede se l’invalidità e successivo intervento può essere oggetto di esonero. Analizziamo nello specifico il quesito di un nostro lettore: Buongiorno Ho un’invalidità del 76% per cuore ipocinetico e sclerosi multipla sono stata operata al tunnel carpale che a dire della chirurga è connesso alla patologia di sclerosi multipla e vorrei sapere se sono obbligata a rispettare la fascia oraria per la visita fiscale dei dipendenti statali Grazie Buongiorno

Visita fiscale: le fasce di reperibilità dei dipendenti pubblici

I dipendenti pubblici che sono in malattia hanno l’obbligo di rispettare i seguenti orari:

  • la mattina dalle 9:00 alle 13:00 e il pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00.

Sono esonerati dalle fasce di reperibilità, solo nei seguenti casi:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della “tabella A” allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella “tabella E” dello stesso decreto;
  • stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%.

Non basta l’invalidità per l’esonero

Non tutte le patologie invalidanti rientrano nell’esonero delle fasce di reperibilità della visita fiscale, abbiamo racchiuso l’elenco in quest’articolo: Elenco patologie invalidanti che danno diritto all’esonero


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Quindi, non basta avere un’invalidità uguale o superiore al 67 per cento, ma bisogna trovarsi in una particolare condizione. Il medico curante è il primo verificatore che attribuisce l’esonero, quindi le consiglio di rivolgersi a lui, e verificare se il suo intervento può essere collegato alla patologia invalidante che permette l’esonero delle fasce di reperibilità.

Visita fiscale: le novità su esonero, patologia (guida completa)