Volo cancellato? Il rimborso del biglietto è un diritto

-
23/06/2020

Il Regolamento comunitario prevede che in caso di volo cancellato, per motivi non legati all’emergenza Covid-19, i passeggeri abbiano diritto al rimborso del prezzo del biglietto

Volo cancellato? Il rimborso del biglietto è un diritto

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha dichiarato che saranno previste multe per qualsiasi compagnia area decida, in caso di cancellazione di un volo per motivi non legati all’emergenza sanitaria, di emettere un voucher invece che il rimborso. 

Volo cancellato e rimborso: l’avvertimento dell’Enac

Il 3 giugno sono cadute tutte le restrizioni alla libera circolazione delle persone sia all’interno dei confini nazionali, che su tutto il territorio europeo. Numerose sono state le prenotazioni, ma altrettanto numerose sono state le cancellazioni dei voli da parte delle compagnie aeree. Compagne che, al posto di rimborsare il viaggiatore del biglietto perso, avrebbero emesso dei voucher del medesimo importo spendibili per un futuro viaggio. 

L’Enac già qualche giorno fa aveva richiamato all’ordine le compagnie aeree, con una comunicazione rivolta a tutti i vettori attivi in Italia in cui ricordava loro il rispetto della normativa europea. Infatti, secondo il Regolamento comunitario, nel caso in cui un volo venga cancellato per cause non attribuibili al Coronavirus, i passeggeri hanno diritto a vedersi rimborsare il prezzo del biglietto e non all’erogazione di un voucher. 

Previste multe per chi emette voucher al posto del rimborso

Nonostante i richiami, diverse compagnie aeree hanno continuato ad emettere voucher per voli cancellati anche pochissimi giorni prima della partenza. Le cause imputate alle cancellazioni sono tutte legate all’emergenza Covid-19, sebbene non giungano notizie allarmanti ne dall’Italia ne dall’Europa. 


Leggi anche: Pensione casalinghe INPS con almeno 57 anni: a chi spetta nel 2021, a che età ed a quanto ammonta 

Agli occhi dell’Enac e di molte associazioni dei consumatori, però, l’aver permesso agli utenti di acquistare biglietti di voli che sono stati soppressi poco dopo sembra piuttosto motivato da scelte imprenditoriali, al fine di rimpinguare le casse della compagnia. 

Il rimborso è un diritto

Nel caso in cui un volo venga cancellato, senza una reale emergenza sanitaria in corso, la compagnia aerea deve assicurare ai viaggiatori l’informativa, la riprotezione del viaggio oppure effettuare il rimborso del biglietto.

L’Ente per l’aviazione civile ha, dunque, deciso di avviare degli accertamenti con conseguenti sanzioni nel caso di accertata violazione del Regolamento europeo di tutela dei passeggeri.