Agenzia delle Entrate lancia l’allarme per le e-mail infette

L’Agenzia delle Entrate lancia un nuovo allarme: fate attenzione alle false comunicazioni di posta elettronica certificata.

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto, tramite un comunicato stampa del 13 settembre, che sono stati riscontrati ennesimi tentativi di truffa per posta elettronica certificata.

Allarme Pec infette

In questi giorni numerose sono state le segnalazioni di false comunicazioni provenienti da indirizzi Pec validi inviate a privati e professionisti. Gli indirizzi di posta elettronica sembrerebbero a prima vista veri e propri contatti ufficiali dell’Agenzia delle Entrate, ma non è così.

Le e-mail in questione hanno per oggetto un numero di protocollo utilizzato solitamente nelle comunicazioni ufficiali dell’Agenzia (ad esempio, “COMUNICAZIONE XXX [ENTRATE|AGEDCXXX|REGISTRO”) e includono in allegato un file in formato zip. Quest’ultimo a sua volta contiene un documento pdf non valido ed un file vbs che, una volta aperto, scaricherà sul computer un software dannoso che ne otterrà il controllo.

Come evitare truffe?

L’Agenzia delle Entrate si dissocia completamente da ciò che sta accadendo. Inoltre, avvisa tutti i suoi utenti raccomandando loro di fare molta attenzione. La cosa fondamentale è cestinare subito eventuali e-mail, come quelle descritte precedentemente, se ne ricevete qualcuna e non scaricarne assolutamente il contenuto.

Ti potrebbe interessare anche: Truffa su WhatsApp: messaggi di regalo fasulli da parte di Adidas

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 20 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.