Agosto, il mese nero dei voli: cancellato un terzo dei viaggi programmati

Secondo il report fornito da Oag, in tutto il mondo sono stati cancellati 770mila voli programmati per agosto, a causa dell’elevato numero di posti vuoti

Il report fornito al Corriere della Sera da Oag, piattaforma internazionale specializzata nel monitoraggio del settore aereo, presenta un quadro allarmante per i viaggiatori. A causa del Coronavirus, infatti, in agosto ci si aspetta che almeno un terzo dei voli in programma venga cancellato. 

700mila voli cancellati in agosto

Secondo il monitoraggio di Oag (Official Aviation Guide of the Airways), risalente al 22 giugno scorso, i voli programmati per agosto 2020 erano circa 3,03 milioni. Il medesimo monitoraggio sui database in cui le compagnie aeree inseriscono i propri collegamenti, effettuato appena un mese dopo, il 20 luglio, ha rilevato quasi 771mila voli cancellati (più o meno un terzo delle partenze previste). 

2,26 milioni i voli complessivamente ancora in programma in tutto in mondo, circa il 25% in meno.  Per quanto riguarda l’Europa, nella prima analisi erano previsti 95,28 milioni di passeggeri, tuttavia al 20 luglio i posti si erano ridotti a 63,67 milioni, più del 30% in meno. Non è diversa la situazione dell’Italia, dove i sedili previsti in agosto sono radicalmente scesi da 9,62 milioni (22 giugno) a 6,69 milioni (20 luglio). 

Il problema dei posti vuoti

Il fattore determinante, in questo caso, per la cancellazione del volo è il fatto che troppi posti restino vuoti. Il primo problema, infatti, che quasi tutte le compagnie aeree hanno riscontrato con la ripresa dei viaggi post-lockdown, è stato quello di riuscire a riempire gli aerei. 

Pochi passeggeri a bordo determinano la cancellazione del volo, il che porta al problema del rimborso. Secondo le disposizioni dell’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) da giugno non è più possibile cancellare un volo adducendo come causa l’emergenza sanitaria da Coronavirus. Quindi, nel caso in cui la compagna decida di sopprimere il volo è tenuta a rimborsare i viaggiatori, non a fornire loro un voucher del medesimo importo. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp