Alfa Romeo: a Termoli saranno prodotti i futuri motori ibridi

I futuri motori ibridi di Alfa Romeo saranno prodotti nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Termoli, adesso è ufficiale

Nei prossimi anni anche la gamma di Alfa Romeo subirà una parziale elettrificazione. Il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles negli scorsi mesi ha detto chiaramente che nel corso dei prossimi anni le gamme di tutte le case automobilistiche che fanno parte del gruppo italo americano subiranno la stessa sorte. In tanti si sono domandati dove sarebbero stati realizzati i futuri motori ibridi di Alfa Romeo. Adesso sappiamo con certezza che anche per le auto della casa automobilistica del Biscione i motori ibridi saranno prodotti nello stabilimento FCA di Termoli.

I futuri motori ibridi di Alfa Romeo saranno prodotti nello stabilimento di Termoli, adesso è ufficiale

Nelle ultime ore è arrivata infatti la conferma che questi propulsori che rappresenteranno una parte importante nel futuro di Fiat Chrysler Automobiles saranno prodotti proprio in quello stabilimento. A Termoli saranno prodotti le versioni 1.0 e 1.5 del motore FireFly in versione sia ibrida che aspirata. L’inizio della produzione di questi propulsori dovrebbe prendere il via tra circa un anno. Prima però sarà necessario modificare la linea di produzione per renderla adatta alla produzione di questa nuova tecnologia.

In particolare si dice che per Alfa Romeo un motore molto usato e importante in futuro sarà il 1.5 FireFly che sicuramente troveremo anche nella versione di produzione del crossover Tonale che sarà messo in vendita agli inizi del 2021. Ricordiamo infine che anche per Giulia e Stelvio sono attese versioni ibride. Mentre però per Tonale si tratterà di un PHEV, per le altre due auto invece quasi certamente il motore sarà un mild hybrid.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo attraversa le strade italiane nel nuovo film di Netflix


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp