Alfa Romeo: ancora una brutta notizia

Una nuova brutta notizia è arrivata nelle scorse ore a proposito di Alfa Romeo, vendite in calo per il Biscione in Italia ad ottobre 2019

Nei giorni scorsi di Alfa Romeo si era tornato a parlare per motivi negativi e cioè per la rinuncia ad alcuni modelli precedentemente annunciati come GTV e 8C a causa di una riduzione degli investimenti di Fiat Chrysler per il marchio del Biscione. Una nuova brutta notizia è arrivata nelle scorse ore a proposito dello storico marchio milanese. Ieri sono stati comunicati i dati ufficiali di vendita di auto in Italia e ancora una volta in questo 2019 Alfa Romeo ha visto diminuire le proprie immatricolazioni.

Alfa Romeo perde ancora terreno in Italia ad ottobre 2019

Se a settembre c’era stata una piccola crescita, ad ottobre si torna nuovamente a parlare di cali rispetto allo scorso anno. Questa volta però la differenza è minima. Alfa Romeo infatti ha consegnato lo 0,84 per cento in meno di vetture in Italia il mese scorso rispetto al mese di ottobre del 2018. Le immatricolazioni della casa automobilistica del Biscione in totale sono state esattamente 1.899. La quota di mercato del marchio italiano è stata pari all’1.21%, in calo rispetto all’1.3% dello scorso anno.

Se invece facciamo riferimento al 2019 nel suo insieme, allora le cose per il Biscione diventano estremamente negative. Basti pensare che Alfa Romeo ha ottenuto un totale di 21.821 immatricolazioni nel nostro paese. Si tratta dunque di un risultato estremamente negativo se paragonato a quanto avvenuto nello stesso periodo dello scorso anno.

Nel 2018 infatti il marchio milanese dopo 10 mesi era già a quota quota 39 mila unità vendute. Si tratta, quindi, di un calo percentuale del 44.5%. Si spera ovviamente che le cose possano migliorare negli ultimi due mesi dell’anno. In realtà però le speranze che ciò avvenga non sono poi molte se consideriamo il fatto che al momento nessuna novità è prevista per la gamma del Biscione.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo B-Suv: il suo arrivo è stato ufficialmente confermato

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest