Alfa Romeo: ecco che fine farà la piattaforma Giorgio

La piattaforma “Giorgio” di Alfa Romeo continuerà ad essere utilizzata anche nei prossimi anni

Negli scorsi anni Alfa Romeo ha lanciato la piattaforma Giorgio costata oltre un miliardo di euro. Questa piattaforma sarebbe dovuta servire per numerosi modelli non solo della casa automobilistica del Biscione ma anche di altre auto dei marchi facenti parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Al momento però questa tecnologia viene adottata solo ed esclusivamente per la berlina di segmento D Giulia e per il Suv Stelvio.

La piattaforma “Giorgio” di Alfa Romeo continuerà ad essere utilizzata anche nei prossimi anni

In tanti si sono domandati nelle ultime ore che fine avrebbe fatto questa piattaforma visto che nei prossimi anni Alfa Romeo ridimensionerà la sua gamma con appena 4 modelli due dei quali non adotteranno questa piattaforma. Come riportato da MotorTrend, nel futuro di Alfa Romeo ci sarà ancora spazio per “Giorgio”.

Nonostante i risultati commerciali di Giulia e Stelvio non siano stati all’altezza delle aspettative, la tecnologia ha comunque fatto il suo dovere e continuerà ad essere utilizzata da Fiat Chrysler Automobiles in futuro. Oltre che nelle nuove Alfa Romeo Giulia e Stelvio a quanto pare “Giorgio” verrà successivamente impiegata anche per altri modelli di marchi di FCA.

Tra i brand in pole position per usare questa piattaforma ci sarebbero Maserati e Jeep, che probabilmente nei prossimi anni utilizzeranno “Giorgio” per alcuni dei loro nuovi suv. In particolare il nuovo suv Maserati che verrà costruito a Cassino dal 2021 dovrebbe utilizzare proprio questa piattaforma.

In USA invece nei prossimi anni anche la nuova generazione di Jeep Grand Cherokee e alcuni futuri modelli di Dodge dovrebbero usufruire di questa piattaforma. In questo modo FCA dovrebbe ammortizzare i costi di oltre 1 miliardo di euro che negli scorsi anni sono stati effettuati da Alfa Romeo per questa tecnologia che inizialmente avrebbe dovuto trovare spazio in almeno 8 nuovi modelli del Biscione. 

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo B-Suv: il suo arrivo è stato ufficialmente confermato

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest