Alfa Romeo: ecco cosa cambia con il nuovo piano

Saranno solo 4 le vetture nella futura gamma di Alfa Romeo secondo il nuovo piano industriale, ecco cosa cambia per il Biscione

Per l’ennesima volta il destino di Alfa Romeo sembra essere cambiato. Nei giorni scorsi infatti è stato svelato il nuovo piano industriale che i dirigenti di Fiat Chrysler hanno intenzione di mettere in pratica per migliorare la situazione nella casa automobilistica del Biscione che sicuramente non vive un momento esaltante. In futuro la gamma dello storico marchio milanese sarà composto da 3 suv e una berlina. Come vi avevamo annunciato nei giorni corsi, dopo MiTo uscirà di scena nel 2020 anche la Giulietta che verrà rimpiazzata da Tonale.

Ecco come è cambiato il piano industriale di Alfa Romeo

Stessa sorte avverrà per MiTo che ha già lasciato il suo posto di entry level che dal 2022 sarà preso da un nuovo B-Suv. Alfa Romeo cercherà di ridurre le spese e concentrarsi solo su alcuni modelli redditizi. In tanti si domandano come le vendite del Biscione possano cambiare con l’arrivo in gamma di questi due suv.

In teoria si tratterà di due modelli che per la fascia di prezzo e il segmento in cui arriveranno dovrebbero garantire un cospicuo aumento delle immatricolazioni per la casa milanese che negli ultimi 12 mesi ha visto calare nettamente le sue immatricolazioni.

Molti però dubitano che questi 3 modelli insieme potranno garantire le 400 mila immatricolazioni annue che per molto tempo era stato detto fosse l’obiettivo principale di Alfa Romeo per il suo futuro. Del resto il vecchio piano industriale del compianto Sergio Marchionne comprendeva molti più modelli rispetto a quello attuale che ne ha previsti appena 4.

Tra l’altro sempre secondo le ultime indiscrezioni anche la sponsorizzazione del Biscione alla Sauber in Formula 1 sarebbe a rischio. Questo sempre nel tentativo di contenere i costi visto che il marchio per il momento non garantisce utili al gruppo Fiat Chrysler Automobiles.

Sembrano invece essere del tutto sparite le altre auto previste dai passati piani industriali. Ci riferiamo alla nuova Giulietta, alle due sportive, al maxi suv e all’ammiraglia Alfetta. Tra queste auto quella che ha maggiori chance dopo il 2022 è proprio i maxi suv con cui il Biscione completerebbe la sua gamma di suv potendo competere alla pari con i rivali tedeschi.

Leggi anche: Alfa Romeo B-Suv: il suo arrivo è stato ufficialmente confermato


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube