Alfa Romeo Giulietta: la fine è vicina

Siamo vicini alla fine della produzione di Alfa Romeo Giulietta, lo stop definitivo arriverà tra poche settimane

Siamo vicini alla fine della produzione di Alfa Romeo Giulietta. La celebre vettura della casa automobilistica del Biscione sembra avere i giorni contati. Infatti a Cassino nelle prossime settimane verrà dato lo stop definitivo alla produzione di questo modello che per molto tempo è risultato essere il più venduto del marchio milanese. Secondo le ultime indiscrezioni, lo stop alla produzione avverrà entro la seconda metà del prossimo mese di marzo. A quel punto dunque la gamma della casa automobilistica italiana che fa parte del gruppo Fiat Chrysler sarà formata solo da due modelli: Giulia e Stelvio.

Siamo vicini alla fine della produzione di Alfa Romeo Giulietta, lo stop definitivo arriverà tra poche settimane

Questo fino all’arrivo sul mercato del crossover di segmento C Alfa Romeo Tonale nel 2021 che poi sarà seguito l’anno successivo da un B-SUV. A Cassino la linea della Giulietta sarà dismessa e inizieranno i lavori per preparare lo stabilimento alla futura produzione di un Maserati D-SUV, che sarà la nuova entry level della gamma della casa automobilistica del Tridente. La produzione di questo modello dovrebbe iniziare nel corso del 2021.

Nel frattempo sembra probabile che già a partire dai prossimi giorni la produzione di Alfa Romeo Giulietta venga ridotta passando dalle 70 unità che attualmente vengono prodotte ogni giorno a Cassino sino a 40. Per quanto riguarda il possibile ritorno sul mercato di una nuova generazione di Giulietta, al momento sembra difficile visto che il segmento C del mercato, per quanto riguarda le berline è in continuo calo in Europa continente in cui in passato questo tipo di auto aveva il maggior successo.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Alfa Romeo sta costruendo una “vettura completamente nuova” per il 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp