Alfa Romeo: il Coronavirus crea problemi anche a Cassino?

Il Coronavirus mette KO anche lo stabilimento di Cassino? Ecco cosa potrebbe accadere nelle prossime settimane

Si vocifera che continuando così le cose in futuro Alfa Romeo possa essere costretta ad interrompere la produzione delle sue auto nello stabilimento FCA di Cassino. Infatti alcuni componenti tecnologici per le auto prodotte nella fabbrica ciociara sono costruite in Cina da alcuni fornitori di Alfa Romeo la cui produzione in questo momento è sospesa a causa del coronavirus. Se le cose dovessero continuare così ancora a lungo la produzione della berlina Giulia e del SUV Stelvio ad un certo punto potrebbe essere interrotta.

Il Coronavirus mette KO anche lo stabilimento di Cassino? Ecco cosa potrebbe accadere nelle prossime settimane

Al momento comunque questi componenti sono disponibili in abbondanza. Dunque non si tratterebbe di un’eventualità per i prossimi giorni ma semmai per le future settimane. Vedremo dunque come si evolverà la situazione a Cassino che già tra gennaio e febbraio ha dovuto fare i conti con numerosi giorni di stop a causa dell’adeguamento della produzione al calo della domanda di Giulia, Stelvio e Giulietta che devono fare i conti con un calo delle richieste a livello globale.

Giulietta in particolare entro la fine del prossimo mese di marzo cesserà definitivamente di essere prodotta. Al suo posto Cassino accoglierà dal prossimo anno la produzione di un nuovo modello. Si tratterà di un nuovo SUV di Maserati che sarà costruito sulla stessa piattaforma di Alfa Romeo Stelvio. Questo ovviamente coronavirus permettendo. Ricordiamo infine che già un altro stabilimento di Fiat Chrysler Automobiles ha dovuto fare i conti con il Coronavirus. Si tratta della fabbrica di Kragujevac in Serbia dove viene prodotta la Fiat 500L. I lavori sono stati interrotti per mancanza di alcune componenti audio prodotte in Cina.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: grosso guaio a Cassino plant


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp