Allarme acqua minerale: ritirati dal mercato lotti per presenza di tricloroetiline, marche e scadenza

Ritirate dal commercio bottiglie di acqua per rtroppo tricloroetilene, ecco di cosa si tratta

Ancora una volta si torna a parlare di prodotti alimentari molto dannosi per la salute umana. Questa volta si tratta di un tipo di acqua minerale ritirata dal mercato per rischio di tricloroetilene eccessivo nelle confezioni di alcuni marche e lotti.

Tricloroetilene: Scatta l’allarme nel nostro Paese

Il Ministero della Salute, ha disposto il ritiro dal commercio di alcune bottiglie di acqua minerale, per il tricloroetilene oltre il limite consentito.

Nel ritiro sono andate a finire anche le bottiglie di acqua Fonte Italia effervescente, chiarissima e frizzante. Si tratta del ritiro dei lotti venduti in bottiglie Pet da 1,5 litri che sono i seguenti: lotto numero 110918, il lotto numero 120918, il lotto numero 150918 con la scadenza 09/2019.

Allarme cozze vive contaminate da Escherichia Coli, ecco cosa sta succedendo in Italia

L’acqua che è stata ritirata dal commercio, è stata imbottigliata nello stabilimento di contrada ‘’La Francesca’’, ad Atella, provincia di Potenza di Fonte Italia srl. Inoltre, Il Ministero della Salute mette in guardia i consumatori, e avvisa di non consumare assolutamente le bottiglie con il numero del lotto sopra elencato. Nel caso è già stato fatto l’acquisto delle bottiglie di acqua minerale dannosa per la salute umane di riportarle ai punti vendita.

acqua minerale pericolosa per la salute umanaAllarme tricloroetilene, perché è dannoso per la salute

Il tricloroetilene, conosciuto anche come trielina, è un alogenuro alchilico la cui struttura chimica è quella di una molecola di etene in cui tre atomi di idrogeno sono sostituiti da tre atomi di cloro.

Allarme Legionella: primo caso di decesso a Lecco

Il tricloroetilene è ampiamente distribuito nell’ambiente ed è presente in tracce nell’acqua, negli organismi acquatici, nell’aria, negli alimenti e nei tessuti umani.

Il tricloroetilene è un ottimo solvente per molti composti organici. Al picco della sua produzione, negli anni venti, il suo impiego principale era l’estrazione di oli vegetali da piante quali la soia, il cocco e la palma. Tuttavia, è stato rilevato in sorgenti di acque sotterranee e in molte acque superficiali come un risultato della fabbricazione, l’uso e lo smaltimento della sostanza chimica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.