Allarme disabilità: grave mancanza di fondi e scuole in difficoltà

Le scuole italiane sono in difficoltà: mancano i fondi e a risentirne sono soprattutto gli studenti affetti da disabilità.

Le scuole italiane lanciano l’allarme: le politiche di inclusione sono ferme, milioni di studenti non autosufficienti aspettano risposte e a peggiorare la situazione è una grave mancanza di fondi.

Allarme scuola

Sono circa 7 milioni le persone affette da disabilità in Italia. Gran parte di loro sono ragazzi, giovani studenti in attesa di cambiamenti fondamentali affinché la loro carriera scolastica proceda nel migliore dei modi. Eppure, quest’anno più che mai, la scuola italiana soffre di un’ingente mancanza di fondi.

Vincenzo Falabella, presidente della FISH (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), fa sentire la sua voce e quella di tanti italiani i cui diritti sembrano essere stati dimenticati. Falabella e altre 35 associazioni che si occupano di disabilità hanno lanciato un allarme al nuovo Governo, chiedendo per l’ennesima volta di risolvere le innumerevoli emergenze riguardanti la sfera della disabilità. Una tra queste è, appunto, la condizione in cui riversa la scuola italiana.

Mancanza fondi

“Se dovessi scriverla io, la legge di bilancio, metterei almeno 5 miliardi per la disabilità in un Fondo unico e non più in mille rivoli”, suggerisce Falabella. Attualmente, infatti, sommando tutti i finanziamenti, si arriva a malapena a 500 milioni di euro, una cifra non sufficiente a colmare i disagi segnalati. Più e più volte queste associazioni hanno lanciato l’allarme, ma molto spesso con scarsi risultati.

Finalmente, il premier Conte ha accolto Falabella e i rappresentanti delle associazioni prima della formazione definitiva del nuovo esecutivo. Non cantano vittoria per il momento, ma sperano in miglioramenti attesi da anni e continuano a farsi sentire affinché la situazione cambi una volta per tutte. E proprio con l’inizio della scuola le difficoltà sono emerse a galla. Milioni di studenti disabili continuano a patire la mancanza di servizi e strutture adeguate. Lo stesso problema affligge anche i lavoratori.

Ti potrebbe interessare anche: Assegno invalidità (civile e ordinario) con Naspi, è possibile percepire entrambe le prestazioni?

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 20 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.