Allarme sul fenomeno dell’antibioticoresistenza, ecco di cosa si tratta

Batteri pericolosi resistenti agli antibiotici, ecco di cosa si tratta

L’organizzazione mondiale della Sanità, invita ad avere maggiore attenzione per quanto riguarda il fenomeno antibioticoresistenza.

Dobbiamo fare attenzione perché negli ultimi anni è stato fatto un uso maggiore di antibiotici e ormai l’organismo ha preso una sorte di abitudine a questi medicinali e non riesce più a lottare come si dovrebbe contro i batteri.

Allarme AIDS, rischio di epidemia, ecco dove

L’uso eccessivo di antibiotici, non fa altro che indebolire l’organismo e in questo modo aumentare la resistenza dei superbatteri.

I superbatteri sono una vera e propria minaccia, capaci di resistere alla maggior parte dei antibiotici, e soprattutto prendono il sopravento nei pazienti che hanno il sistema immunitario indebolito.

Questi superbatteri, che in pratico sono resistenti a più tipi di antibiotici, a lungo andare possono causare seri danni, come ad esempio gravi infezioni, tra cui:

Polmonite

Infezioni cutanee

Diarrea

Setticemie, ma tutto questo dipende nella maggior parte dei casi anche da quanto è resistente l’organismo del paziente che sta assumendo un determinato tipo di antibiotico.

Una delle più gravi batteri resistenti è senza dubbio la batteriemia, in poche parole, sarebbe la presenza di batteri nel sangue, rilevata dall’emocoltura.

Un altro batterio molto pericoloso, che si trasmette per via sessuale è il mycoplasma genitalium, questo tipo di batterio provoca danni seri e alcune volte produce addirittura l’infertilità nelle donne. Nella maggior parte dei casi, non presenta nessun tipo di sintomo, quindi è possibile essere contagiati e non sapere nulla. Il mycoplasma genitalium spesso si confonde con un altro tipo di batterio chiamato clamidia, ma la cura per questi due tipi di batteri non è per niente.

mycoplasma genitaliumAllarme Hiv

Vaccino contro l’HIV, test clinico su 2300 persone, permetterà di valutarne l’efficacia

Sono stati chiesti esami per sviluppare questo tipo di batterio che negli uomini l’infezione si manifesta con forte dolore e infiammazione dell’uretra, mentre nelle donne forte dolore, febbre, e infiammazione agli organi riproduttivi, ma ancora non sono disponibili in tutti gli ospedali.

Cosa bisogna fare per proteggersi da questa brutta infezione?

L’unica precauzione per evitare di essere contagiati, senza dubbio rimane il preservativo, quindi evitare assolutamente i rapporti sessuali non protetti.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.