Allarme Tik Tok, i nostri dati utente sono in pericolo?

Tik Tokm è l’applicazione del momento, capace di divertire molti adolescenti. Ma è davvero sicura per chi la usa? In America è stata condotta un’indagine su di essa.

Tik Tok è uno dei social più usati in questi ultimi tempi: capace di divertire tutti gli adolescenti, permette in un breve video una sorta di karaoke o play black con quale poter ricreare scene di film o serie tv, o inventare altre situazioni completamente nuove. Molto usato dagli influencer, i quali ne promuovono l’uso, sta riscuotendo molto successo non solo in Oriente dove è nata, ma anche in Occidente e a livello mediatico. E’ l’applicazione del momento, che ha quasi superato anche Instragram in numero di seguaci che lo usano praticamente tutto il giorno. Nonostante il successo che ha riscosso e che continua ad avere, l’applicazione made in Cina, creata nel 2016 da Zhang Yiming, sta correndo dei seri rischi che riguardano la sicurezza dei suoi stessi utenti.

Tik Tok e la sicurezza, ci sono in ballo i nostri dati?

Sembrerebbe che la famosa applicazione abbia suscitato un allarme a causa della scarsa sicurezza della privacy dei dati degli utenti.

In particolare, si parla di dati di ragazzi ancora minorenni che potrebbero essere acquistati in mode del tutto clandestino da chi gestisce l’applicazione Tik Tok che poi verrebbero trasferiti si server cinesi.

I destinatari di questo acquisto di dati sono tutti coloro che lavorano al governo cinese, in particolare il Partito Comunista, trasmissibili grazie alla reta della 5G.

C’è chi addirittura sostiene che in realtà l’applicazione non è altro che un cavallo di Troia in grado infettare milioni di dispositivi.

Dall’altra parte, sono in corso delle indagini effettuate proprio sull’applicazione di Tik Tok, anche se già in anticipo i creatori dell’applicazione ed i suoi dirigenti dichiarano il contrario.

A detta loro, non ci sarebbe niente di tutto ciò, tanto meno un contatto diretto con il governo cinese o con il Partito Comunista addirittura.

L’azienda Tik Tok ritiene che il governo cinese non ha giurisdizione su questa applicazione.

Comunque sia, le indagini sono nate in America, in particolare dopo una segnalazione di una ragazza di Palo Alto, zona dello stato della California, la quale ha riscontrato diversi problemi di sicurezza non solo su Tik Tok ma anche su Alibaba e Tencent.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.