Allarme tossine acquari: rischio veleni di palitossina nei coralli ornamentali

Acquari pericolosi per la salute umana, perché?

La bellezza degli acquari sta nella incognita meraviglia di poter ammirare tante specie, restando seduti liberamente nella propria poltrona. Oggi, gli acquari rappresenta uno degli oggetti “unicum” per eccellenza nell’arredamento. Tanti sono i contrasti legati alla questione della “crudeltà”, degli esseri marini privati della “libertà” per finire in bella vista nelle case o negli uffici. Si tratta di tante specie che possono essere comuni, esotiche, rare e anche a rischio estinzione, sottratte alla natura per il puro gusto di tenerle come mobile d’arredo. 

Acquari pericolosi per la salute umana, perché?

Al di là della bellezza gli acquari possono diventare pericolosi, quando si manipola in modo non adeguato o non conforme le specie presenti nell’acqua. Il problema viene riscontrato nell’elevato grado di tossicità presente nei micromondi, spesso anche letali.

La storia di un inglese e la sua famiglia intossicati dalle tossine

Un ragazzo inglese con la sua famiglia hanno rischiato la vita a causa delle tossine rilasciate dai coralli ornamentali. I sintomi legati a questa patologia sono: tosse, febbre e mancanza di respiro. Simili a un’influenza, tanto da trarre in inganno l’intera famiglia che non si è resa subito conto di aver contratto un’intossicazione.

In verità Chris Matthews del Regno Unito, era intento a pulire il suo acquario, non accortosi della sostanza tossica presente nell’acqua, il giorno seguente è finito all’ospedale con tutta la famiglia. A riportare la notizia il quotidiano britannico “The Independent”.

Sostanzialmente l’errore di Matthews è stato quello di pulire una pietra di coralli. Tali coralli hanno rilasciato nell’acqua una sostanza tossica la palitossina. Solitamente i coralli rilasciano questa sostanza come difesa per i predatori. Si tratta, di un veleno molto pericoloso che può condurre alla morte nel giro di pochi minuti.

Nessun della famiglia si era reso conto dell’avvelenamento, per la similitudine dei sintomi tipici o quasi di una influenza. Solo quando anche i cani del ragazzo hanno iniziato a stare male sono giunti alla conclusione che si trattava di una patologia seria. Forse senza l’arrivo degli operatori ospedalieri l’intera famiglia non sarebbe sopravvissuta. Gli esperti chimici giunti sul luogo hanno poi provveduto a ventilare l’intera abitazione per eliminare i resti delle tossine di corallo.

 

Leggi anche:

Patatine Multipack E Sfogliatine Chips A Rischio Allergene Ritirate Dal Mercato: Marche E Lotti

Un Morso A Un Hamburger Al Sangue, Rischio Salmonella O Dell’Escherichia Coli


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein