Allarme WhatsApp: mandare messaggi vocali può creare amore e odio

WhatsApp: la piattaforma più famosa del mondo è un bene o un male per gli utenti?

Ormai è diventata una moda mandare messaggi vocali sulla più famosa piattaforma di messaggistica, e non solo. Anche la comodità mette il suo carico, poi con il nuovo aggiornamento è possibile ascoltare i messaggi vocale senza il bisogno di premere il pulsante play ogni volta. In tutti questi anni, la piattaforma WhatsApp ha introdotto diverse funzioni per accontentare le richieste dei numerosi utenti. La piattaforma, attualmente è l’unica piattaforma di messaggistica che si è mantenuta in piedi, nonostante le continue provocazioni di concorrenza da altre piattaforme.

WhatsApp, messaggi vocali

Spesso, non ci rendiamo conto che registrando un audio su WhatsApp un po’ più lungo, potrebbe essere fastidioso, e non molto gradito da chi lo riceve.

Leggi anche: WhatsApp: account chiusi dagli utenti all’improvviso, ecco perché

WhatsApp

Prima di tutto, sentire un messaggio vocale davanti ad altre persone, può essere anche imbarazzante, ma la piattaforma verde ci ha pensato anche a questo. Nasce un’applicazione che praticamente trasforma tutti i messaggi vocali in messaggio testo, l’app si chiama Audioto textf ed è scaricabile gratuitamente dall’App Store

Nonostante viene puntato il dito contro la piattaforma, perché un messaggio vocale crea odio e amore tra la gente, anche se, in teoria l’audio su WhatsApp dovrebbe essere solo un corto pensiero, una cosa che per messaggio scritto non si capirebbe nello stesso modo. Solo allora i messaggi vocale potranno beneficiare al 100% del diritto di mostrare la reale faccia della funzione.

Leggi anche: WhatsApp: in arrivo una nuova versione della chat

Senza dubbio, l’abuso di questa funzione non porta di certo chiarezza, anzi provoca solo un immenso caos per gli utenti. Nel corso degli anni, la piattaforma WhatsApp ha avuto alti e bassi, e piano piano che iniziava l’introduzione di qualche nuova funzione suscitava curiosità da parte dell’utenti. Di conseguenza anche se magari veniva considerata dannosa in qualche modo per la vita di coppia, l’introduzione dell’ultimo accesso, ecc.ecc., sempre più utenti non smettono di usare questa applicazione.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.