Allerta Coronavirus, dove sono indesiderati gli italiani?

Molte nazioni presenti sul globo hanno deciso di vietare agli italiani di recarsi nelle loro zone a causa della diffusione del Coronavirus.

Fino a poche settimane fa il Coronavirus ci sembrava una realtà lontana,era possibile per noi italiani muoverci senza particolari problemi o perplessità. Oggi, invece, dopo le numerosi vittime del fine settimana scorso ed il numero di contagi che aumenta, diciamo che non navighiamo in acque molto calme e l’unica soluzione possibile è quella di starsene a casa propria. Col Coronavirus in Italia sono stati vietati i viaggi di istruzione da parte della scuola, progetti di gemellaggio e visite guidate, i comuni focolai dell’epidemia chiedono ai cittadini di non allontanarsi e gli altri comuni che invece non ancora presentano un tale rischio chiedono ai cittadini di comunicare le date di partenza e di arrivo in caso di viaggi. E ancora: lo stesso governo ha chiesto di evitare viaggi e quant’altro se non per motivi urgenti e necessari. Facciamo un po’ il quadro dell situazione e cerchiamo di capire meglio dov’è possibile spostarsi in Italia e all’estero.

Allerta Coronavirus, tutti i luoghi in cui gli italiani non sono bene accetti

Attualmente, salvo imprevisti, è bene che gli italiani non si avvicinino alla zona rossa, ovvero la regione Lombardia e la regione del Veneto.

Chi vi vive può muoversi al suo interno, ma non oltrepassare i confini regionali.

Per quanto riguarda l’estero, diciamo che la situazione non è delle migliori come abbiamo anticipato prima.

Attualmente i principali paesi dell’Unione Europe non vietano agli italiani di recarsi presso le loro zone.

Iniziamo a parlare dei paesi nello specifico, e facciamolo con la Gran Bretagna la quale permette ai suoi cittadini di arrivare in Italia e permette anche agli italiani di atterrare in terra inglese.

La Spagna, a causa del Coronavirus, ha vietato alla sua popolazione di effettuare viaggi nelle seguenti regioni italiane: Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna.

Stessa cosa vale per la Francia, la quale ha vietato ai francesi di recarsi in 14 regioni italiane.

La Russia, invece, ha vietato la sua popolazione di recarsi nei paesi colpiti dal virus, tra cui, quindi, anche l’Italia.

Tutti gli italiani che erano intenzionati di recarsi presso El Salvador sono stati bloccati dal suo presidente, il quale ha vietato l’arrivo di cittadini italiani nel suo paese. Stesso discorso vale per il Kuwait.

La Bulgaria ha invece sospeso tutti i viaggi tramite aereo per Milano fino al 27 marzo.

In Sudafrica tutti gli italiani che vi arriveranno saranno sottoposti a controlli medici e avranno l apossibilità di contattare le autorità in caso di sospetti influenzali.

Anche la Croazia vieta alla sua popolazione di recarsi in Italia, mentre chi arriva dalle regioni italiane attualmente dal Coronovirus sarà sottoposto ad un controllo ad hoc.

Anche in Romania vale lo stesso discorso, anche se si sta pensando di estendere il divieto anche al resto degli italiani.

L’Iraq vieta a tutti gli italiani, a prescindere dalla regione, di atterrare nel loro paese, come anche le Seychelles e la Giordania.

 

Leggi anche:

Coronavirus: cosa sta succedendo all’Estero e le notizie false in Italia (lettera)

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.