Anche i succhi 100% frutta non escludono il rischio tumori

Diversi studi scientifici, da anni ormai, considerano le bibite zuccherate colpevoli di aumentare i rischi di diabete e malattie croniche

Diversi studi scientifici, da anni ormai, considerano le bibite zuccherate colpevoli di aumentare i rischi di diabete e malattie croniche, migliore reputazione ce l’hanno i succhi di frutta 100%, che per legge, non possono contenere zuccheri aggiunti. Ma da tempo c’è un altro studio che mette in guardia anche i consumi di succhi con dicitura 100%, si assocerebbe ad un aumento del rischio di sviluppare tumori.

Vediamo di associare bevande zuccherate e rischio tumori

Negli ultimi venti anni il consumo delle bevande zuccherate è aumentato del 40%, e il loro consumo, ampiamente studiato, ha effetti negativi su cuore e vasi, meno noti gli effetti sul rischio di cancro. Per cercare di capire effettivamente il legame che c’è tra bevande zuccherate e cancro, gli scienziati hanno valutato le risposte dei partecipanti dopo fatto i questionari alimentari. Dall’analisi dei dati è emerso che per ogni aumento di 100 ml al giorno di bevanda zuccherata, il rischio di sviluppare il tumore incrementa del 18%, per le donne del 22% il rischio di ammalarsi del cancro al seno.

Perché le bibite aumentano il rischio di tumore?

Per gli scienziati alla base dei rischi ci sarebbe l’aumento di peso dovute dalle bevande zuccherate e il loro elevato indice e carico glicemico, e la loro riduzione drastica, potrebbe essere per tutti una strategia efficace per la prevenzione dei tumori. Secondo i ricercatori, se il fruttosio viene assunto tramite frutta e altri cibi che lo contengono naturalmente, come il miele e i succhi senza zuccheri aggiunti, non avrebbero effetti negativi, anzi potrebbero addirittura aiutare a tenere sotto controllo di glicemia e insulina nei pazienti diabetici. Se invece il fruttosio viene assunto attraverso bevande e altri alimenti contenenti zuccheri aggiunti, potrebbe avere un effetto dannoso sull’organismo, tra cui quello di aumentare il rischio di diabete. In definitiva, tutte le ricerche ci dicono, che il fruttosio sarebbe da condannare a metà, anche se le attuali linee guida raccomandano ai diabetici di ridurre tutti gli zuccheri liberi, in particolare il fruttosio contenuto nelle bevande.

Allerta salmonella Salame: richiamato dalla vendita


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp