Andare in pensione con 10 o 5 anni di contributi, le alternative

Quali prospettive di andare in pensione ci sono con 10 anni di contributi versati e patologia diabetica? Analizziamo tutte le possibilità vigenti.

Andare in pensione con meno di 10 anni di contributi, analizziamo le varie forme pensionistiche rispondendo al quesito di un nostro lettore: Buongiorno, avrei un quesito da esporle. Ho 62 anni compiuti, con versamento inps di 11 anni [sic]. Ho un’attività commerciale che non mi consente più di soddisfare i nostri bisogni familiari primari. Sono affetto da diabete mellito. Ho qualche possibilità di sostegno pensionistico?

Pensione di vecchiaia contributiva con 5 anni di contributi

Con 11 anni di contributi non ci sono molte alternative per accedere alla pensione. È prevista con un minimo di 5 anni di contributi la pensione di vecchiaia contributiva.

È possibile accedere a questa misura sei i contributi versati siano posteriori al 1° gennaio 1996; questo significa che può accedere soltanto chi non ha nessun contributi versato prima di quella data. 

Altro requisito da rispettare è che il primo rateo della pensione sia pari a 1,5 volte l’assegno sociale Inps (quindi la pensione spettante deve essere di circa 650 euro). Dal 2019 per accedere alla pensione di vecchiaia contributiva è richiesto un requisito anagrafico di 71 anni. 

Pensionamento con 15 anni di contributi

È possibile accedere anche alla pensione con 15 anni di contributi con le deroghe alla legge Fornero. Anche in questo caso sono richiesti requisiti stringenti, infatti non tutti possono aderire. Per tutte le informazioni consiglio di leggere: Pensione con meno di 20 anni di contributi: deroghe alla legge Fornero

Bonus commercianti per arrivare alla pensione “Rottamazione licenze”

Il bonus commercianti consiste in un’indennità mensile di 513 euro, dal 1° gennaio è diventato strutturale. Si tratta di una misura che permette ai titolari di esercizi commerciali di ottenere dall’Inps un’indennità di indennizzo, per un massimo di tre anni prima della pensione. Per maggiori dettagli sullo scivolo pensionistico consiglio di leggere: Indennizzo per cessazione attività e pensione: diventa strutturale, come fare domanda

In breve, possono accedere al bonus commercianti coloro che alla data di presentazione della domanda, hanno i seguenti requisiti:

  • uomini almeno 62 anni di età anagrafica, donne 57 anni;
  • i lavoratori devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno 5 anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali;
  • bisogna aver cessato l’attività commerciale a decorrere dal 1° gennaio 2019.

L’indennizzo spetta fino in cui il beneficiario compie l’età anagrafica pensionabile prevista dalla normativa vigente per la Gestione dei Commercianti. Nel caso in cui il beneficiario si trovi al momento del compimento dell’età pensionabile anche con il requisito contributivo minimo di venti anni, richiesti per l’accesso alla pensione di vecchiaia, l’indennizzo spetta fino alla “prima decorrenza utile della pensione di vecchiaia”.

Diabete e assegno invalidità

In riferimento alla patologia di diabete, lei può inoltrare la domanda di invalidità civile tramite il suo medico curante che provvederà ad inviare il certificato all’Inps indicando la gravità delle sue patologie. Il sistema telematico rilascerà un numero protocollo. Avrà 90 giorni di tempo per presentare la domanda di invalidità presso un patronato, indicando nella domanda il codice protocollo che le ha consegnato il medico. La commissione medica valuterà il suo stato patologico le attribuirà una percentuale invalidante. Solo una percentuale dal 74% in su, a diritto all’assegno di invalidità ordinario.

Conclusione

Come sopra specificato è difficile accedere alla pensione con 11 anni di contributi, le ho elencato le varie forme pensionistiche a cui lei può accedere compreso il bonus commerciante. 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”