Andare in pensione con la rendita a 62 anni con lavoro autonomo

Pensione a 62 anni con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata con 20 anni di contributi, bisogna stare attente ai fondi pensione.

Andare in pensione a 62 anni con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata anche per i lavoratori autonomi, analizziamo quando è possibile e quali sono i requisiti e i fondi che lo permettono.

Pensione e lavoratore autonomo

Buona sera sig. P.M.  sono un lavoratore autonomo artigiano falegname ho 60 anni di età’ e 38 anni di contributi ho un fondo pensione privato . La mia domanda è la seguente posso andare in pensione con la RITA essendo un autonomo ? Grazie.

La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata   (RITA) è una misura unica nel suo genere e non fa differenze fra i lavoratori possono accedere sia dipendenti privati e pubblici e lavoratori autonomi.

La cosa fondamentale è aver aderito ad un fondo previdenziale per tempo, il requisito minimo richiesto è di 5 anni, logicamente più montante si è accumulato più la misura conviene. Inoltre, non possono aderire tutti i fondi. I fondi pensione in vigore attualmente, si classificano in due diverse tipologie: fondi a prestazione definitiva e fondi a  contribuzione definitiva.   Quelli a contribuzione definitiva permettono l’accesso alla Rendita Integrativa.

Quindi, la prima cosa da fare per vedere se si rientra in questa misura è controllare il fondo pensione dove si sono versati i contributi.

Requisiti RITA

Detto questo i requisiti per accedere alla misura con un anticipo di 5 anni dall’ età per la pensione di vecchiaia che attualmente è di 67 anni, sono i seguenti:

  • Cessazione del rapporto di lavoro (autonomo o dipendente)
  • Non più di 5 anni alla maturazione dell’età per la pensione di vecchiaia (accessibile dal 2020 a 62 anni)
  • Requisito contributivo minimo di 20 anni
  • 5 anni di partecipazione al sistema di previdenza complementare.

Lei attualmente ha 60 anni per accedere a questa misura deve aver maturato 62 anni, la domanda deve essere inoltrata direttamente al fondo pensione di appartenenza, e non ci sono finestre di uscita, dopo l’approvazione si percepisce direttamente l’assegno.

Le lascio qui una guida con tutti i chiarimenti anche sull’aspetto fiscale: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”