Animali in condominio, le regole per una pacifica convivenza

Le regole che devono rispettare i possessori di animali domestici o di compagnia che abitano in un condominio

La vita in un condominio si sa che è spesso difficile. Le liti, nonostante la legge lo permetta, riguardano anche la presenza di animali domestici che non sempre sono tollerati. Vediamo le regole per una pacifica convivenza. La legge che permette la presenza di animali domestici o di compagnia nei condomini è del 2013. Da questa data le liti fra i condomini sono aumentate, perché non tutti tollerano la presenza di un animale domestico nel loro condominio. 

Inoltre, se è vero che nel regolamento condominiale non può esserci il divieto di accettare gli animali domestici, dall’altra parte, ci sono delle regole che i proprietari devo rispettare. Vediamo quali sono.

Regole per una convivenza pacifica tra animali domestici, proprietari e condomini

Abbiamo detto che il regolamento condominiale non può vietare di tenere un animale domestico o di compagnia. Se, invece, esiste la norma inserita come ordine del giorno, il regolamento può essere annullato entro 30 giorni da un Giudice di pace; se invece è stata inserita nella voce “altri ed eventuali” è considerata, automaticamente, considerata nulla. 

Le regole che i proprietari di un animale domestico, soprattutto di un cane, devono rispettare sono:

  • in caso di rumori molesti l’amministrazione condominiale può richiedere l’allontanamento dell’animale dall’abitazione;
  • mantenere pulita l’area di passaggio; 
  • utilizzare il guinzaglio in ogni luogo e, nel caso di animali aggressivi, di applicare la museruola;
  • gli animali non possono essere lasciati liberi di circolare negli spazi comuni senza le dovute cautele;
  • comportarsi in modo tale da non nuocere alla quiete e all’igiene degli altri conviventi dello stabile gli animali non possono essere abbandonati per lungo tempo sul balcone o nelle abitazioni per reato di abbandono.

Inoltre, ai proprietari conviene stipulare una polizza assicurativa di responsabilità civile per danni causati dal proprio cane contro terzi in caso di danni o lesioni a persone, animali o cose. 

Infine, il rispetto di queste regole da parte dei proprietari e un po’ di tolleranza da parte degli altri condomini, sicuramente nel condominio potrà esserci una felice convivenza tra umani e animali domestici.

Danni provocati da piante e fioriere in condominio. La sentenza


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp