Anno bisesto, tutta la storia del 29 febbraio

Perché ogni quattro anni viene l’anno bisesto? A cosa è dovuta la nascita del giorno del 29 febbraio? E’ mai esistito un 30 di questo mese?

Ogni quattro anni siamo in presenza dell’anno bisesto, conosciuto anche come anno bisestile. Potrebbe sembrare una cosa di poco conto, un semplice capriccio di qualcuno che ha così deciso, ma in realtà c’è tutto un ragionamento logico e matematica volto alla convenienza. Eppure, ci fa troppo ridere pensare che esistono delle persone nate il 29 febbraio, costrette a festeggiare il loro compleanno ogni quattro anni, se non vogliono anticiparlo o farlo ricadere sul 1° marzo. Scherzi a parte, vi mostriamo il perché che si cela dietro a questa data fantasma che appare solo ogni tanto.

Perché esiste l’anno bisesto? Com’è nato il 29 febbraio?

E’ solito dire “anno bisesto anno funesto”. Con questa frase si vuole indicare come gli anni bisestili siano portatori di sciagure e, essendo sinceri, il detto non ha sbagliato.

C’è stato l’incendio dell’Australia, il Coronavirus, la terza guerra mondiale scampata per un pelo, e siamo solo a febbraio!

Ma, dicerie e tragedie a parte, l’anno bisesto, come sappiamo, torna una volta ogni quattro anni e fu stabilito dal calendario gregoriano.

Il perché della sua nascita ha, come abbiamo anticipato, una ragione molto valida: la terra non impiega esattamente 365 per girare attorno al Sole, ma 365 giorni ed un quarto.

Prendiamo in considerazione le stagioni: qualora non esistesse il 29 febbraio, grazie alla quale si recuperano le 24 ore che avanzano ogni quattro anni, i giorni dei sostilzi e degli equinozi non corrisponderebbero alle date che noi tutti conosciamo.

Il 29 febbraio fu voluto da San Gregorio, di cui il calendario porta il nome, anche se fu anticipato da Giulio Cesare  nel 46 a.C, quando ancora i giorni erano considerati 355.

Fu poi Augusto, il suo successore, a perfezionare il calendario.

Passiamo poi al nome: il temine bisestile è sempre di origine romana.

I romani, infatti, inserivano tale giorno prima delle candele di marzo che corrisponde al giorno 24 febbraio ed erano soliti chiamarlo bis sexto kalendas Martias. In seguito,il 29 febbraio venne chiamato bis sexto.

Infine, è mai esistito il 30 di febbraio? La risposta è sì, in particolare nel 1930 e nel 1931 nel calendario sovietico.

 

Leggi anche:

Samsung Galaxy Home mini a febbraio?

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.