Anticipo TFS: dopo accordo Abi tutto fermo, un rimpallo tra Ministri e Istituzioni

Anticipo TFS per i dipendenti pubblici, ancora tutto fermo, l’accordo quadro firmato da Dadone non ha sbloccato la pratica, un rimpallo tra Ministri e Istituzioni.

Circa un anno e mezzo fa il Dl numero 4/2019 include l’anticipo del TFS o TFR per i dipendenti pubblici richiedibile dai pensionati per un valore massimo di 45mila euro. L’attesa di tanti pensionati sembrava finalmente aver raggiunto un traguardo. Purtroppo, così non è stato, e la misura non è andata mai a regime. Sembrava tutto risolto con l’accordo quadro firmato dalla ministra Dadone  con l’associazione banche italiane. L’accordo quadro firmato con l’Abi, stabilisce le modalità di presentazione della domanda degli aventi diritto all’anticipo del Trattamento di fine servizio o fine rapporto. Ebbene, tutto di nuovo fermo, anche dopo l’accordo firmato, l’Inps non accoglie le domande. La pazienza degli aventi diritto è al limite e si sentono presi in giro per l’ennesima volta. Ecco la lettera di un lettore che illustra la situazione attuale. 

Anticipo TFS un iter burocratico senza fine

Sono pensionato dal 01/08/2019, col DL 04/2019 quota 100, ero dipendente ASL. Ho cessato il rapporto di lavoro per accedere alla pensione. Ho urgente necessità, appena diventa operativo il Decreto di attuazione dell’anticipo TFS/TFR (art. 23 DL 04/2019), di farne richiesta. Visto il Vostro, sempre utile, articolo del 08/08/20 col quale si rende noto che il Ministro per la pubblica amministrazione ha firmato con l’associazione banche italiane ABI    l’accordo quadro che stabilisce le modalità di presentazione della domanda degli aventi diritto all’anticipo del Trattamento di fine servizio o fine rapporto.

Si diceva che non appena anche l’Abi, il Ministro del Lavoro e il Ministro dell’Economia e Finanze apporranno la firma, l’Inps potrà iniziare ad accettare le domande. 

Siamo al 28/08/2020 e ancora niente, nel sito dell’INPS è ancora tutto come prima, e la risposta è sempre la stessa:  In attesa del DPCM che disciplina le modalità di attuazione delle disposizioni relative all’Anticipo finanziario, la domanda di certificazione a tali fini non può essere accolta. In 20 giorni evidentemente le suddette firme non sono ancora arrivate.

È veramente una indecenza, questo continuo rimpallo tra vari Ministeri ed altre Istituzioni, sta abbondantemente facendo esaurire la pazienza di migliaia di persone che hanno urgente bisogno dei propri risparmi, bloccati nelle casse dell’INPS da governi indecenti che hanno deciso di prendere anche dalle tasche dei lavoratori meno abbienti, nonostante vi siano ben altri soggetti dai quali prendere qualcosa dalle loro casse non creava le dolorose situazioni personali di tanti lavoratori come il sottoscritto.

Almeno qualcuno ci dicesse perché è ancora tutto fermo, non si ha nemmeno questa minima decenza. Alla faccia della trasparenza sempre e solo derisa da tutti coloro che ne sarebbero tenuti al rispetto.

Ringrazio per il Vostro utile servizio.

Aggiornamento oggi 30 agosto 2020 

Per opportuna conoscenza vi invio la risposta, al mio sfogo sull’anticipo TFS/TFR pubblicato da Voi ieri, che mi è giunta dalla Segreteria del Ministro Dadone.
 
Gentilissimo,

si riscontra la sua mail al fine di comunicare che l’accordo quadro è stato sottoscritto in data 19 agosto 2020  da  tutti i soggetti secondo le disposizioni di legge. Attualmente si trova alla registrazione da parte degli organi competenti.

Resta ferma l’assoluta attenzione che ha caratterizzato e continuerà a caratterizzare l’azione del Ministro Dadone in favore al concreto accesso alla misura dell’anticipo del Tfs/tfr da parte dei soggetti interessati.

Cordiali saluti

La Segreteria


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”