Anticipo TFS: Inps risponde a breve pronta la piattaforma, ma le banche offrono interessi alti

Anticipo TFS e TFR: la piattaforma dell’Inps non è ancora pronta, intanto le banche chiedono interessi più alti, cosa sta succedendo?

Questa dell’anticipo TFS, sembra una storia senza fine. Un lettore, avente diritto all’anticipo del trattamento di fine servizio o fine rapporto ci scrive una mail con oggetto”Inps dice ” tra breve la richiesta anticipo tfs statali DL4/2019, sarà inserita nella piattaforma dell’ente”.

Anticipo TFS: la piattaforma non è pronta

Leggendo l’oggetto, si pensa finalmente qualcosa di buono, ma poi il testo della mail chiarisce una situazione che non ha nulla di breve e che l’attesa è ancora lunga: «Il termine tra breve, nel vocabolario della lingua italiana significa “entro poco tempo”, siamo al 6 settembre 2020, la nota dell’INPS si legge dall’ ultima decade di agosto 2020, credo che chi la deve applicare non conosce bene il significato delle parole. Si ricorda che tutto l’iter si aspetta da + di un anno e mezzo, nel frattempo le banche che hanno aderito all’accordo, che dicono di non sapere ancora nulla, ti propongono prestiti non calmierati come prevede la norma, ma a tassi molto + alti. Grazie D.S.»

Che dire siamo alle solite. 

Il post della Ministra Dadone che annunciava “tutto risolto”

La Ministra della Funzione Pubblica, Fabiana Dadone, che ormai era cosa fatto e massimo qualche giorno, l’Inps avrebbe messo a disposizione degli aventi diritto la piattaforma per avviare le operazioni di richiesta di liquidazione di anticipo TFS e del TFR.

Ricordiamo, che l’anticipo del trattamento di fine servizio o fine rapporto è stato previsto dal decreto legge n. 4/2019 e possono richiedere il beneficio tutti coloro che sono andati in pensione con quota 100 o con le norme previste dalla Riforma Fornero. 

La pubblicazione del decreto ministeriale che dava il via alle operazioni del TFS, come si legge sul post della Ministra Fabiana Dadone, era solo una formalità, in quanto la misura era già in vigore. 

Nel post di Facebook la ministra ha spiegato le modalità per accedere all’anticipo, secondo il funzionamento della procedura che permetterà l’accesso al beneficio.

Ad oggi, l’Inps non ha reso disponibile ancora la piattaforma e le banche si fanno avanti, come scrive il nostro lettore, con interessi più alti rispetto a quelli che stanziati sull’anticipo TFS del decreto legge n. 4/2019. 

Speriamo che la situazione si risolva il primo possibile.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”