Anticipo TFS per dipendenti pubblici, finisce l’anno con tanta amarezza e delusione

La delusione dei pensionati che avevano creduto nell’anticipo TFS sono delusioni per la violazione di un loro diritto acquisito nell’intera vita lavorativa.

L’anticipo del trattamento di fine servizio (TFS) per i dipendenti pubblici ha creato non pochi problemi a coloro che hanno creduto in questa misura lasciando anticipatamente il posto di lavoro per esigenze personali. La misura è entrata in vigore con il D.L. n. 4/2019 ma non è stata resa operativa, doveva essere operativa unitamente alla pensione Quota 100, ma così non è stato. Ritardi su ritardi, fino ad arrivare a fine dell’anno 2019 senza possibilità di riscuotere un diritto acquisito negli anni di lavoro. 

In pensionamento per esigenze di liquidità dovuta a spese mediche

Mi chiamo A. O. e sono nato il 16.02.1955. Ho lavorato presso il Comune di ……. per 40 anni e sono andato in pensione con prodotto quota 100 dal 1° agosto 2019.  La mia decisione di uscire dal lavoro è stata l’esigenza di aver a disposizione un certo importo da poter utilizzare per spese mediche e affrontare un intervento (a pagamento) non più rimandabile. 

Speravo nell’anticipo della liquidazione tfr/tfs senza dovermi  rivolgere ad una banca e/o finanziaria per ottenere quanto occorrente e quindi pagare interessi e quant’altro richiesto. Sono amareggiato  perchè oltre alle spese sopra dette ho in corso un mutuo sull’abitazione, ho una figlia all’università di Roma, sono separato da 10 anni  ed ora che “credevo” fosse arrivata la fine per poter pensare un attimo a me stesso ecco che tutto si blocca!!!!

Oltretutto sono invalido civile poiché diabetico di tipo 2 e quindi vi lascio immaginare in quali problemi sono impantanato.

Mi sono rivolto all’INPS per avere una certificazione che quantizzasse il credito vantato, così da poter operare una cessione di credito, dalla quale risulti l’importo spettante e (grosso modo) la cifra di cui sono creditore (fermo che fino a 45.000 euro sarebbero dovuti essere quasi “subito”.

Ritengo non sia giusto sotto ogni aspetto ed è per questo che mi rivolgo a voi per avere un benché minimo conforto che possa venirmi incontro senza per questo dover immolare tutto ciò che ho tentato di costruire in 40 anni di lavoro.

Voglio sperare che nella mia situazione ci sia poca gente perché così diventa una situazione davvero invivibile sotto ogni aspetto e, sicuramente, non posso farcela. Voglio inviarvi le mie più sentite scuse per il disturbo arrecato ed augurarvi un Buon Natale fatto di felicità, di gioia e di tutto il tempo che serve per viverla in pace. Io mi accontenterei di qualche notizia positiva per quanto sopra detto. Mi complimento a.per i  temi che riuscite a trattare ed in attesa di riscontro  porgo i miei più distinti  ossequi. A.O.

Risposta

Ci sono novità sull’anticipo del TFS o TFR, è stato presentato un emendamento per accelerare i tempi ormai oltre ogni limite di attesa, si attende il via libera del Consiglio dello Stato. Nell’attesa e nella speranza che la misura approvata nel D.L n. 4/2019 sia resa effettiva. 

Per necessità alcuni lettori hanno ottenuto un finanziamento a tassi interessanti in 15/20 giorni tramite IBL . 

In pensione con Quota 100 dopo 41 anni di servizio

Grazie per l’ opportunità che ci date. Ancora una volta noi cittadini siamo indifesi e attoniti di fronte a questa ennesima ingiustizia. Sono una ex docente di scuola superiore che, con oltre 41 anni di servizio e 65 anni di età ho colto l’ occasione di quota 100 e quindi sono andata in pensione lo scorso settembre. Speravo nell’ anticipo promesso dai politici, ma ancora una volta siamo stati truffati, umiliati e offesi. Cosa dobbiamo fare? Scendere in piazza come i francesi o altri popoli con maggiore dignità di noi? Eppoi ci si meraviglia dell’ alto livello di astensionismo alle elezioni politiche!…Mah, siamo tutti stufi di farci derubare e non abbiamo ( almeno io) più fiducia in questa classe dirigente così scollata dalla realtà. Cordialmente R.D.M.

TFS dipendenti pubblici, dopo 24 mesi ulteriori 3 mesi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”