Anticipo TFS statali, ancora in attesa dell’accordo quadro e l’istanza di quantificazione non viene inoltrata, manca l’elenco banche

Anticipo TFS o TFR ancora in fase di stallo. Le istanze di quantificazione TFS per Anticipo finanziario D.L.4/2019 non possono essere ancora evase. Ancora tempi lunghi, ecco cosa sta succedendo.

L’anticipo TFS statali fa ancora parlare di se, nonostante sia stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, i tempi sono ancora lunghi per l’erogazione. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 50 del 15 giugno 2020, il provvedimento con entrata in vigore al 30 giugno 2020, la possibilità di accedere all’anticipo TFS TFR non ancora liquidato dall’ente erogatore. Possono presentare l’istanza di anticipo: i dipendenti delle amministrazioni pubbliche, il personale degli enti di ricerca, che hanno richiesto la pensione anticipata quota 100; i soggetti che accedono o che hanno acceduto, prima dell’entrata in vigore del decreto legge n. 4 del 28 gennaio 2019, al trattamento di pensione.

Anticipo TFS statali 

Per i lavoratori del pubblico impiego il TFS o il TFR viene erogato 24 mesi dopo l’accesso alla pensione, i mesi passano a 12 se la cessazione dal servizio è dovuta al raggiungimento del limite di età o collocamento a riposo d’ufficio o servizio. Il TFR o TFR viene erogato in linea generale per i dipendenti statali nel modo seguente: per gli importi lordi di una somma pari a 50mila euro, l’erogazione avviene in un’unica soluzione; se la somma è tra 50mila a 100mila euro, il TFS o TFR viene erogato in due rate; infine, se l’importo supera i 100mila euro, viene erogato in tre rate. I tempi lunghi fino a circa sei anni sono riservati a coloro che hanno scelto la pensione anticipata Quota 100, si può arrivare fino a sei anni dopo la cessazione del servizio. 

Nel decreto n. 4/2019 è stato previsto l’anticipo del TFS per i dipendenti statali per un valore massimo di 45.000 euro. La misura ha trovato molti intoppi, fino ad arrivare al 15 giugno 2020 alla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. Per l’erogazione come già anticipato bisognerà ancora attendere. 

Istanza di quantificazione TFS 

La risposta che ricevono coloro che richiedono chiarimenti all’Inps è questa: “Non risulta ancora possibile inoltrare istanza di quantificazione TFS per Anticipo finanziario D.L.4/2019 in quanto la Direzione Centrale Trattamenti Fine Servizio è in attesa dell’Accordo quadro con l’elenco degli Istituti di Credito abilitati alla concessione del prestito. Cordiali saluti.” 
Questo è quello che mi ha risposto l’Inps in merito alla mia domanda su quando sarà attivata la procedura per far la richiesta del TFS. Una cosa positiva c’è: mi hanno risposto dopo una settimana! (Come riporta il gruppo “Quelli che aspettano l’anticipo TFS“).

Tempi lunghitfs

In effetti la situazione è ancora ferma per molti. Rispolverando la situazione, l’anticipo TFS doveva entrare in vigore entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto in G.U., sono passati un anno e mezzo e il Dpcm del 22 marzo 2020 è stato pubblicato in G. U.  il 15 giugno, dando il via alla misura. Il decreto riporta dell’entrata in vigore il 30 giugno 2020 e da tale date l’Inps e gli enti erogatori hanno trenta giorni per adeguarsi. Questo ha innescato un nuovo meccanismo, che porta tempi ancora lunghi per poter accedere all’anticipo TFS, si spera che la situazione si risolva in fretta, anche se la burocrazia per l’ennesima volta ha frenato un diritto acquisito nel tempo dai lavoratori. 

Leggi anche: Anticipo TFS e TFR: bisogna ancora attendere, sarà operativo non prima di luglio


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”