Apple: Coronavirus causa chiusura degli store

Apple Store chiude tre negozi in Cina a scopo preventivo, ma le chiusure potrebbero aumentare

A puro scopo preventivo Apple Store ha chiuso alcuni dei suoi negozi in Cina, a causa del temibilissimo Coronavirus. L’ allarme si fa sempre più a rischio.

Coronavirus: Apple Store chiusi per evitare rischi

Stando alle news di alcune testate statunitensi, Apple ha deciso di intervenire qualche giorno fa, chiudendo dapprima i battenti dei suoi negozi di Nanjing e Fuzhou. A questi si è aggiunto un terzo Apple Store, ovvero quello di Qingdao, stando alle conferme del CEO Tim Cook in occasione della presentazione dei dati fiscali dell’azienda per il Q1 2020. La travolgente diffusione del misterioso coronavirus 2019-nCoV in Cina, apparso nella città di Wuhan, ad oggi responsabile di oltre 7.000 contagi nel paese, ha costretto diverse multinazionali a eseguire provvedimenti preventivi. Dunque, anche Apple Store si è accodata alla scelta di evitare rischi.

Apple e Coronavirus: rischi da evitare e ritardi da considerare

Non soltanto la chiusura dei tre store, che nei prossimi giorni potrebbero aumentare di numero, ma Apple ha anche limitato il trasferimento del personale in Cina. Oltre a limitare i contatti con il paese mandarino, la Apple ha anche dichiarato di voler aiutare, con delle donazioni, ad affrontare l’allarme coronavirus in questo periodo di emergenza. Come già diffuso da diversi rumors la Apple potrebbe tardare anche la distribuzione dei prossimi iPhone SE 2 che saranno assemblati proprio in Cina, per evitare di correre rischi nell’assemblaggio dei ricambi e nella costruzioni dei componenti per i modelli del nuovo smartphone da lanciare nel 2020 sul mercato.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp