Arriva la tassa sulla carne al 25%: la proposta del Parlamento UE

Proposta al Parlamento Europeo: tassare la carne con un’aliquota al 25% per scoraggiarne il consumo e ridurre gli effetti delle emissioni degli alevamenti.

La proposta al Parlamento Europeo e vorrebbe portare la tassazione della carne bovina, suina e ovina al 25%. Si tratta di una vera e propria tassa sulla carne volta alla salvaguardia dell’ambiente e del clima che è stata proposta al Parlamento Europeo da associazioni. La tassa, però, potrebbe andare ad incidere molto sulla spesa mensile degli italiani.

Tassa sulla carne

La proposta precisa che l’aliquota al 25% sarebbe a regime a partire dal 2021 e avrebbe come scopo quello di contenere le emissioni di gas serra provocate dagli allevamenti. Ma non solo.

La tassa, infatti, ha un duplice scopo: da una parte contenere il consumo della carne, non solo in Italia ma in tutta l’Europa con lo scopo del contenimento dei gas serra, ma dall’altro anche aumentare il gettito aggiungendo annualmente circa 32 miliardi di euro che potrebbero essere destinati all’avviamento di nuovi programmi di allevamento.

Quanto la nuova tassa scoraggerebbe il consumo di carne? Secondo le prime stime già nel 2030 ci sarebbe una diminuzione del consumo di carne bovina del 67%, di carne suina del 57% e di quella ovina del 30%.

Già in Germania e nei Paesi Bassi sono in discussioni proposte simili sempre per limitare le emissioni di nitrati, ossidi e CO2 provocati dagli allevamenti intensivi. La proposta vuole portare ad una modifica degli allevamenti per ridurre le emissioni di gas serra.

Quanto costerebbe la carne?

Si fanno già i conti di quanto aumenterebbe la carne suina, bovina e ovina con l’applicazione dell’aliquota al 25%:

  • la carne bovina aumenterebbe in media di 4,70 euro al chilogrammo
  • la carne suina aumenterebbe in media di 3,6 euro al chilogrammo
  • la carne ovina (pollo, gallina, tacchino ecc..) aumenterebbe di 1,7 euro al chilogrammo.

La Lega ha subito reagito alla proposta del Parlamento Europeo dichiarando che si tratta di una cosa inaccettabile perchè gli italiani sono consumatori abituali di carne per il 93%.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.