Asili nido e materne, così riapriranno in estate

Dopo alcune esitazioni, il governo sembra essersi deciso: gli asili nido e le scuole materne potranno riaprire in estate, ma con alcune regole.

Dopo le tante voci, più o meno false, che giravano sul web, adesso arrivano conferme direttamente dal governo Conte: gli asili nido e le scuole materne potranno riaprire in estate, precisamente dal mese di giugno fino al mese di luglio. Tutto questo sarà possibile solo attraverso l’applicazione di particolari norme che genitori e strutture dovranno scrupolosamente seguire. Infatti, non dimentichiamo che in un contesto come questo, dove il contatto è alla base per una prima conoscenza dei più piccoli, risultava essere davvero impossibile garantire la distanza di sicurezza, regola necessaria per evitare contagi.

Asili nido e scuole materne, come riapriranno in estate

Inizialmente, per quanto riguarda la riapertura di tali strutture educative, si ipotizzava un rientro definitivo direttamente nel mese di settembre.

Poi, soprattutto per venire incontro ai genitori che dovranno ritornare a lavoro dal giorno 4 maggio 2020, si è deciso di anticiparne la riapertura sotto la forma di centri ricreativi per l’estate.

Ma come si potrà arrivare a questo garantendo la sicurezza necessaria per tutelare la salute di tutti?

Il MIUR e il ministero della Famiglia hanno progettato un piano in cui si prevede la suddivisione di bambini in gruppi da tre o sei, mentre è vietato l’uso di giocattoli portati da casa in tali strutture.

Ma il punto principale di questo piano è lo stare quanto più tempo possibile all’aperto e l’organizzazione di turni.

Tali strutture potranno ospitare bambini fino ai 6 anni ed i genitori non potranno entrare in esse.

Per quanto riguarda l’argomento mascherine, si prevede che le stesse vengano usate solo dagli insegnanti e non dai piccoli.

Queste sono solo alcune linee guide che permetteranno agli asili nido e alle scuole materne di poter riaprire nei mesi estivi.

Nulla di certo, ovviamente, poiché il tutto verrà deciso dal comitato tecnico scientifico istituito per l’emergenza coronavirus, il quale dovrà analizzare se tali misure possano essere sufficienti a garantire la sicurezza.

Attendiamo, pertanto, maggiori informazioni, conferme o smentite, nei prossimi giorni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.