Assegno al nucleo familiare, sentenza di divorzio e nuovo partner: chiarimenti

Chiarimenti in materia di assegni al nucleo familiare per quanto riguarda i genitori divorziati e nel caso che nel nucleo familiare risulti essere anche il nuovo partner di uno dei genitori.

L’assegno al nucleo familiare è una prestazione erogata dall’INPS ai nuclei familiari di lavoratori dipendenti e pensionati che rientrino in specifici limiti di reddito. L’assegno viene erogato in base alle tabelle INPS annuali di riferimento, alla composizione del nucleo familiare e al reddito dello stesso. In alcuni casi, ma non sempre, è necessario presentare richiesta di autorizzazione di inserimento nel nucleo familiare dei soggetti per cui si richiede la prestazione. Cerchiamo di capire come funziona in caso di genitori divorziati.

Assegni nucleo familiare divorziati

Un nostro lettore ci chiede:

Buonasera. 
Ho avuto in precedenza pagati gli assegni familiari di mia figlia ( che ho a carico al 100% ) , da dicembre 2015 fino a dicembre 2017 ( in cui mi scadeva l’autorizzazione) . Dopo di che, ho rifatto la domanda per l’autorizzazione il 4 giugno 2020 ( quindi pochi giorni fa ), chiedendo l’autorizzazione dal 01 gennaio 2018 in poi. Mi hanno risposto che la domanda è stata rigettata perché non c’era allegata la sentenza di divorzio ( ho divorziato nel 2015 prima che nascesse mia figlia ) . Chiedo ,  se già è stata autorizzata una volta la richiesta ( senza allegare nessuna sentenza di divorzio) come mai me la chiedono adesso???? Inoltre vi vorrei chiedere un’informazione,  il mio nucleo familiare è composto da tre persone ( convivo non sono sposato ) vorrei sapere se sulla domanda che faccio per ricevere gli assegni familiari devo mettere il reddito di tutti e due ( io la mia compagna) o solo il mio ( tenendo conto che sullo stato di famiglia risultiamo tutti e tre ) . In attesa di un vostro cortese riscontro,  vi porgo i più cordiali saluti. 

In caso di genitori divorziati, per i quali l’INPS non ha la certezza che la prestazione possa essere richiesta da entrambi i genitori, si richiede la presentazione di domanda di autorizzazione ogni volta che questa scade. In caso di divorzio, inoltre, è necessario allegare anche la sentenza di divorzio. Nella prima richiesta, probabilmente, il divorzio non era stato ancora rateizzato e non era in possesso delle sentenza ma posso assicurarle (per esperienza personale) che la sentenza va allegata sempre quando i genitori sono separati legalmente o divorziati.

Le consiglio, quindi, di ripresentare domanda di autorizzazione allegando anche copia della sentenza di divorzio e se non l’ha allegata la prima volta (per non rischiare che la pratica venga rigettata ancora) le consiglio di allegare anche la dichiarazione dell’ex coniuge in cui sottoscrive di non percepire e di non aver richiesto gli ANF.

Assegno familiare e nuovo partner

Per rispondere alla sua seconda domanda è bene sottolineare che il nucleo familiare ai fini ANF non corrisponde con la famiglia anagrafica (quella risultante dallo stato di famiglia) nè con il nucleo familiare ai fine Isee. 

Nel nucleo familiare sono presenti il richiedente, il coniuge non legalmente separato anche se non convivente, e i minori e maggiorenni per cui si richiede l’ANF (figlio, nipoti o fratelli e sorelle per cui la prestazione spetta).

Il suo nuovo partner, quindi, anche se è nel suo stato di famiglia non rientra nel nucleo familiare ANF (ci sarebbe rientrato in caso di matrimonio, ma con la sola convivenza no) e, quindi, non deve inserire il suo nome nel nucleo nè indicare i suoi redditi. Deve, quindi, inserire soltanto il suo reddito.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.