Assegno invalidità: al rinnovo possono abbassarmi la percentuale?

Assegno invalidità: al rinnovo è possibile che venga abbassata la percentuale invalidante con il rischio di perdere l’assegno?

L’assegno invalidità viene riconosciuto sia ai lavoratori dipendenti che autonomi, affetti da patologie che creano infermità fisica e mentale accertate dall’Inps, non derivante da causa di servizio. La natura della patologia invalidante deve essere tale da creare una riduzione relativa a due terzi della capacità lavorativa, l’assegno con una percentuale uguale o superiore al 74 per cento. L’assegno invalidità non viene corrisposto in via definitiva ma rinnovabile ogni tre anni, al terzo rinnovo si trasforma automaticamente in pensione di invalidità.

Inoltre, bisogna avere  un’anzianità contributiva pari a cinque anni, di cui almeno tre anni versati nei primi cinque anni precedenti alla domanda. Il richiedente deve essere assicurato presso l’Inps da almeno cinque anni.

Assegno invalidità e riduzione della percentuale

Una lettrice ci chiede: Salve sono una donna di 51anni, 2 anni fa mi hanno tolto un cancro alla l’intestino! Mi hanno tolto 33cm di intestino e 51 linfonodi. Qualche anno fa anche la tiroide per cisti tumorali 10anni fa operata alla spalla destra per un problema di tendini, sono talassemica, sono allergica con asma (uso 5 mesi inalatori e antistaminico) soffro di cervicale con brutta lordosi, una artrosi alle anche. Questo è la mia situazione, dopo l’asportazione dell’intestino mi hanno dato il 75% di invalidità con l’assegno di 285euro. Tra 2 anni dovrò fare la revisione, la mia domanda e questa, possono abbassarmi il punteggio di invalidità visto che me l’hanno concessa dopo l’asportazione dell’intestino? Grazie per avermi aggiornata e grazie se mi può rispondere…

Molto dipende dal suo stato patologico, una commissione dovrà valutare la sua infermità sia fisica che mentale e stabilire se la percentuale concessa in prima richiesta è ancora tale o dev’essere aggiornata per un miglioramento o un peggioramento per l’aggravarsi della situazione clinica.

Le consiglio di presentarsi alla visita  con  documentazione aggiornata da cui risulti la gravità della patologia, le cure che deve sostenere, e le difficoltà a compiere atti quotidiani visto le tante patologie che le impediscono una corretta movimentazione, si faccia consigliare anche dal medico curante.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”