Assegno invalidità civile, se muore il titolare, gli eredi ne hanno diritto?

L’assegno corrisposto per invalidità civile, se il titolare muore, gli eredi hanno diritto all’assegno con reversibilità?

L’assegno corrisposto per invalidità civile, non è reversibile ai superstiti, trattandosi di prestazioni assistenziali. Quindi in caso di decesso del titolare, successivo al riconoscimento dell’invalidità,  la prestazione economica di cui era titolare non può essere corrisposta agli eredi, salvo il diritto di questi a percepire le quote già maturate alla data della morte.

Assegno invalidità civile e eredi

L’art. unico legge 912/86, ha stabilito che: “gli eredi dell’invalido civile, deceduto successivamente al riconoscimento dell’invalidità … hanno diritto a percepire le quote di pensione già maturate dall’interessato alla data del decesso, anche se il decesso stesso sia intervenuto prima della deliberazione concessiva …“.

Quando gli eredi possono riscutere l’assegno?

In caso che il decesso della persona invalida sia avvenuto in seguito all’accertamento sanitario e prima della liquidazione della prestazione economica, la pensione, assegno o indennità spettanti e i ratei maturati alla data della sua morte, saranno corrisposti agli eredi secondo le norme di successione.

Nel caso di più eredi i ratei potranno essere erogati anche ad uno solo di essi purché munito di delega (art. 4, Legge 15/68).

Nel caso che la persona invalida sia deceduta prima dell’accertamento sanitario dell’invalidità civile, ma successivamente alla presentazione della domanda per l’accertamento sanitario, gli eredi possono presentare formale istanza di riconoscimento d’invalidità alla competente commissione medica.

La procedura di accertamento potrà essere attivata soltanto in presenza di documentazione medica rilasciata da strutture pubbliche o convenzionate.

La documentazione dovrà essere tale da dimostrare in modo certo l’infermità o menomazione, in modo da poter consentire la formulazione di una diagnosi esatta.

Fonte: Superabile


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.