Assegno mantenimento figlio maggiorenne: fino a quando si deve corrispondere?

Fino a quando il genitore divorziato è tenuto a versare l’assegno di mantenimento al figlio maggiorenne? Scopriamolo.

Una degli interrogativi che assilla maggiormente i genitori divorziati è sapere fino a quando l’assegno di mantenimento per i figli va corrisponde all’ex coniuge. La risposta non è univoca poichè non esiste una età limite entro la quale smettere di versare i cosiddetti alimenti ai figli. Cerchiamo di fare chiarezza.

Assegno mantenimento ai figli

Un nostro lettore ci chiede:

Volevo sapere fino a quando devo versare l’assegno di mantenimento alla mia ex compagna per un figlio che da novembre é diventato maggiorenne,frequenta la terza superiore.

L’assegno di mantenimento per i figli, a seguito di separazione o divorzio, può essere imposto dall’autorità giudiziaria o essere concordato tra i due genitori. Solitamente è il genitore non convivente con i figli a corrispondere, in base ai propri redditi, l’assegno di mantenimento per i figli al genitore convivente.

Fermo restando che i genitori hanno l’obbligo di mantenere i figli fino a quando questi ultimi non raggiungono l’indipendenza economica e che entrambi i genitori hanno il dovere di mantenere i figli in proporzione al proprio reddito, i criteri utilizzati per stabilire l’importo del mantenimento sono diversi.

Innanzitutto si tengono in considerazione le esigenze dei figli ed il tenore di vita che gli stessi avevano quando entrambi i genitori vivevano con loro. Si tiene poi conto della situazione reddituale di entrambi i genitori e dei compiti di cura e a livello domestico assunti da ognuno dei genitori.

Appare ovvio, quindi, che è quasi sempre il padre (che nella maggior parte dei casi è il genitore non convivente) a dover versare gli alimenti alla madre per i figli.

Ma cosa accade quando i figli raggiungono la maggiore età? Solitamente al raggiungimento dei 18 anni il figlio (come nel suo caso) è ancora studente e, quindi, ancora totalmente a carico dei entrambi i genitori.

Non è, quindi, la maggiore età a determinare la fine della corresponsione dell’assegno di mantenimento ma solo l’indipendenza economica dei figli.

Solo quando il figlio maggiorenne diventa economicamente indipendente, quindi, si può prevedere la sospensione dell’assegno di mantenimento.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.