Assegno sociale e carta acquisti: i nuovi importi per effetto della rivalutazione

Assegno sociale e reddito di inclusione i nuovi importi per effetto della rivalutazione: il messaggio Inps.

Si sono rivalutati gli importi dell’assegno sociale e sul reddito di inclusione e sulla carta acquisti ordinaria, per effetto del decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze del 27 novembre 2019 numero 278. Lo ha comunicato l’Inps col messaggio numero 161 del 17 gennaio 2020, nel quale comunica che: “il beneficio economico del ReI è soggetto a un tetto massimo di erogazione commisurato all’ammontare annuo dell’assegno sociale (di cui alla legge 8 agosto 1995, n. 335), maggiorato del 10%.

Assegno sociale 2020

L’importo dell’assegno sociale 2020 in base al decreto ministeriale è stato rivalutato con un valore annuo di euro 6.575,56, che costituisce il valore amassimo per il Rel (Reddito di inclusione).

Quindi, sono stati aggiornati i valori della soglia Isee e i trattamenti previdenziali per accedere alla carta acquisti ordinaria.

Per tutte le informazioni consigliamo di leggere qui il messaggio Inps n. 161 del 17 gennaio 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”