Assegno unico per i figli, chi potrà richiederlo?

Assegno unico per i figli: ancora nebulosi requisiti ed aventi diritto. Bisogna attendere prossima legge di Bilancio.

Dopo che il tanto discusso Bonus figli fino a 14 anni non è stato inserito, come annunciato, nel Decreto Rilancio, l’attenzione di tutti i genitori si è spostata su una misura che ancora non p in vigore ma che è stata annunciata per il 2021, l’assegno unico per i figli. Vediamo di cosa di tratta e a chi potrebbe spettare.

Assegno Unico per i figli

Moltissimi sono i lettori che ci stanno scrivendo in questi giorni per chiedere informazioni sull’assegno unico per i figli fino a 26 anni di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Per dare una risposta corale e quanto più vera possibile, è necessario sottolineare che si tratta di una misura che non è ancora attualmente in vigore ma che potrebbe diventare operativa, Legge di Bilancio 2021 permettendo, a partire dal 2021.

L’Assegno unico per i figli, infatti, è una misura che dovrebbe andare a sostituire tutti i sostegni erogati a favore della genitorialità e della famiglia (tra i quali ricordiamo: detrazioni figli a carico, assegni al nucleo familiare, bonus bebè, bonus asilo nido, bonus baby sitting, bonus mamma domani, solo per citarne alcuni).

Nelle intenzioni del governo, a quanto sempre, dovrebbe esserci un assegno mensile erogato dalla nascita fino al compimento dei 26 anni per i figli a carico con importo che potrebbe variare dal 240 euro (per i figli fino al compimento dei 18 anni) agli 80 euro (per i figli con età compresa tra 18 e 26 anni).

Previsto inoltre, un sussidio di 400 euro (per coprire bonus baby sitting e bonus asilo nido) per i figli con età compresa tra zero e 3 anni e con importo inferiore per i minori fino al compimento dei 14 anni.

Posso avere l’assegno?

Una nostra lettrice ci chiede: Buongiorno Vorrei sapere chi potrà richiedere l’assegno. Sono una mamma divorziata, vivo in affitto e ho una figlia di 17 anni a carico. Ho un reddito di 19.000 euro annui. Grazie. 

Se prendiamo in esame quello che è stato anticipato dall’esecutivo al riguardo, certamente avrebbe diritto all’assegno unico per i figli, e dovrebbe averne diritto fino al compimento dei 26 anni di sua figlia se fino a quell’età resterà a suo carico. 

Ma come ho specificato sopra si tratta di una misura che è attualmente allo studio e che non è entrata ancora in vigore e non si è a conoscenza, neanche, dei requisiti reddituali (se ci saranno) richiesti per poterne fruire. Bisognerà attendere la prossima legge di Bilancio per capire se entrerà veramente in vigore a inizio 2021.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.