Assicurazioni e Coronavirus: la Unipol restituisce un mese di polizza

Unipol-Coronavirus: la compagnia restituisce un mese di polizza in quanto il 90% delle auto sono ferme.

Con l’emergenza Coronavirus e la conseguente quarantena il 90% delle auto sono ferme; grazie alla segnalazione di molti utenti, si è riuscito a sapere che la compagnia Unipol restituisce un mese di polizza.

Assicurazioni auto e Coronavirus: bel gesto della Unipol

Questo gesto della Unipol è molto importante, in particolare è servito a tutte quelle persone che avrebbero dovuto rinnovare la polizza in questi giorni. Speriamo che questo esempio possa servire a convincere tutte le altre agenzie assicurative a seguire la stessa strada della Unipol.

Con questo si eviterà che molti clienti possano stipulare delle nuove polizze e servirebbe a mantenere in atto i propri contratti in essere. Dalla quarantena è passato più di un mese e, arrivando al 3 maggio, saremo fermi per circa due mesi. Da considerare che il 90% delle automobili sono ferme e, di conseguenza, inutilizzate.

Stando ferme le auto l’incidenza degli incidenti è calato del 95% e per questo la richiesta della sospensione alle compagnie assicurative è più che giustificata.

La richiesta è ben precisa ed è anche molto giusta. Alla scadenza delle polizze tutte le compagnie assicurative diano una proroga pari a tutti i giorni che le auto sono state ferme in questa quarantena, oppure la concessione di uno sconto pari al 25%, nel momento in cui si vada a sottoscrivere un nuovo contratto di rinnovo della polizza.

Questa petizione è stata lanciata online su charge.org.

E’ logico che questo favoritismo o bonus, come meglio lo si vuole chiamare, sia dato solo a chi veramente non ha usato l’auto in questi giorni. Il modo per essere certi di questo può essere dato dai proprietari di auto che sulle proprie vetture hanno in dotazione montata la scatola nera, o sotto propria dichiarazione con autocertificazione che dichiari di non aver usato mai l’auto in questi giorni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp