Associazione Nazionale Presidi: mancano ancora 20.000 aule

L’Associazione Nazionale Presidi rinnova la mancanza di ventimila aule per il ritorno in aula degli studenti in totale sicurezza. Tra le possibilità? Quella dei Comuni e di tutti gli Enti locali di destinare Bed and Breakfast, Musei ed Hotel alla didattica.

Associazione Nazionale Presidi: aveva lamentato le criticità già circa un mese fa. Ora, a solo un mese e qualche giorno dal ritorno degli studenti sui banchi il 14 settembre, la questione si fa più preoccupante. Tra le soluzioni si pensa di destinare alla didattica strutture ricettive a disposizione dei singoli Enti Locali.

Associazione Nazionale Presidi: 400.000 alunni sono ignari di dove faranno lezione

La situazione preoccupante sulle aule da destinare all’istruzione (garantendo comunque il distanziamento sociale) è stata ben delineata dall’Associazione Nazionale Presidi. Servono spazi alternativi per sopperire la mancanza di 20.000 aule. La problematica dei mono-banchi per le distanze anti contagio sembra essersi diretta verso una soluzione, ma il luogo dove ubicare i banchi resta ancora poco chiaro. La mancanza di spazi alternativi, sembra una problematica concernente quasi la totalità delle scuole italiane, ma i problemi maggiori si riscontrano proprio nella Capitale. Solo qualche giorno fa sono state pubblicate le linee guida per la ripresa delle attività scolastiche ed ora la necessità di trovare spazi idonei si fa più pesante.

Associazione Nazionale Presidi: il cinque percento degli alunni fuori scuola

L’Associazione Nazionale Presidi ha chiarito che a dover necessariamente fare lezione fuori dai locali tipicamente adibiti ad uso scolastico sarà ben il 5% della popolazione studentesca. Ciò si è reso necessario a seguito dell’emergenza epidemiologica che ha devastato il nostro Paese negli scorsi mesi, gettandolo in totale lock-down. Mancano tuttavia luoghi da poter allestire per le lezioni scolastiche. Si pensa pesino ad indire un bando tramite il quale gli Enti Locali potranno garantirsi spazi sufficienti. La questione rimane ancora aperta: trenta giorni saranno sufficienti per la ricerca delle aule alternative? L’Associazione Nazionale Presidi si dice timorosa!

Ci si appresta alla pubblicazione dei bandi:

Cristina Giachi, responsabile scuola dell’Associazione Nazionale Presidi, dichiara: “Compatibilmente con le risorse disponibili, prevediamo presto la pubblicazione di avvisi pubblici in diversi Comuni per il reperimento di spazi alternativi dove poter allestire aule per ospitare le classi che dovranno fare lezioni nei luoghi alternativi”.Si tratterà di avvisi che verranno aperti a musei, cinema, bed & breakfast ed Hotel. Un anno complesso quello che studenti, docenti ed amministrazione si troveranno ad affrontare. Non resta che attendere la fine delle vacanze estive, per avere finalmente chiaro come sarà organizzato il nuovo anno scolastico.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!