Assunzioni avvocati: l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il bando

L’Agenzia delle entrate-riscossione cerca avvocati per gli incarichi di rappresentanza e di difesa in giudizio. Ecco i requisiti per poter presentare domanda.

L’Agenzia dell’Entrate -Riscossione ha pubblicato il bando per aggiornare l’elenco dei avvocati a cui si affiderà gli incarichi di rappresentanza e di difesa in giudizio.  L’avvio alle presentazioni delle domande è il 2 aprile 2019.

Agenzia delle entrate – riscossione: avvocati cercasi

L’Ader ha curato l’aggiornato del regolamento per costituire e gestire l’Elenco degli avvocati a cui affidare gli incarichi di rappresentanza e difesa in giudizio. Tale bando è stato necessario in quanto c’è un numero limitato di figure professionali interne disponibili per poter gestire il così ingente volume del contenzioso derivante dallo svolgimento della propria attività istituzionale.

Quando presentare domanda

È possibili presentare domanda dalle ore 08.00 del 2 aprile 2019 alle ore 16.00 del 17 maggio 2019, tramite la procedura telematica sul sito dell’ente.

Facciamo presente che l’elenco avvocati vigente è ancora in vigore fino alla data di operatività del nuovo elenco.

Per gli avvocati che sono inseriti nell’elenco valido per il 2018 che è scaduto il 31 gennaio 2019, dovranno presentare una nuova istanza

Avvocati Agenzia delle entrate/riscossione: i requisiti

Gli avvocati per poter inoltrare domanda devono essere iscritti all’albo da almeno 5 anni e possono fare richiesta sia in forma singola sia in forma associata.

Fattore importante è che gli aspiranti legali non devono avere in corso cause contro Agenzia delle entrate o Ader in qualità di difensore di altre parti.

Ulteriori requisiti sono:

– non aver subito sospensioni disciplinari negli ultimi cinque anni

– avere fatturato almeno 50 mila euro annui.

L’elenco stilato degli avvocati sarà diviso in tre parti:

– la sezione A, per il contenzioso della riscossione dinanzi alle commissioni tributarie, Tar e organi della giustizia ordinaria, esclusa la Cassazione;

– la sezione B, per i giudizi davanti alla Corte di cassazione e magistrature superiori;

– la sezione C, invece per il contenzioso della riscossione con esclusivo riferimento alle procedure concorsuali.

Avvocati Agenzia delle entrate/riscossione: il compenso

L’Agenzia dell’Entrate mette in evidenza anche i compensi:

  • da 150 euro per le cause davanti al giudice di pace;
  • da 1.100 euro ai 4.200 euro per le liti in cassazione da oltre 1,5 milioni di euro.

Gli importi riportati sono al netto di Iva, contributi previdenziali e altre spese.

Invitiamo i lettori di scaricare qui Regolamento_Avvocati_Agenzia dell’Entrate 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.