Assunzioni per 283 posti di lavoro in Enea: ricercati diplomati e laureati

Pubblicato il Piano di assunzioni 2020-2022 dall’Agenzia Enea. Si cercano laureati e diplomati, dirigenti e impiegati. In totale 283 posti di lavoro.

Nuove opportunità di lavoro grazie al Piano di assunzioni programmate da Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. I punti di forza indicati nel documento sono: investimenti di oltre 480 milioni di euro, sviluppo di nuove attività di ricerca, sostegno all’innovazione e di trasferimento di tecnologie avanzate, e, soprattutto, numerose nuove assunzioni. Prevista anche, nel Centro di ricerche di Frascati, la realizzazione di un ambizioso progetto nel campo della fusione nucleare: la realizzazione della macchina DTT (Divertor Tokamak Test). Tale progetto creerebbe ulteriori 1500 posti di lavoro che si andranno ad aggiungere a quelle già programmate.

Assunzioni: piano triennale 2020-2022 e modalità di selezione

In un comunicato relativo al nuovo Piano triennale di attività 2020-2022, l’Enea annuncia nuove assunzioni.  In totale il fabbisogno di personale per il triennio 2020-2022 è pari a 283 nuove assunzioni, così ripartite:

  • 5 posti per dirigenti,
  • 278 posti per non dirigenti.

Le assunzione saranno rivolte e diplomati (61 posti) e laureati (217 posti) da inserire nel ruolo di tecnico e amministrativo, ma anche ricercatori e tecnologi. Le modalità di assunzione, invece, avverranno attraverso la stabilizzazione del personale interno, lo scorrimento delle graduatorie ancora in vigore e, ovviamente, tramite la pubblicazione di nuovi concorsi.

I posti da coprire riguarderanno anche i pensionamenti che nel 2018 erano 72, ma che, con la cosiddetta «quota 100», sono saliti a 148 unità. Infine, le nuove assunzioni potrebbero entreranno in servizio già dal 1° settembre 2020.

Non resta che attendere la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dei bandi di concorso per poter partecipare a queste assunzioni.

Leggi anche: Sospensione bollette acqua, luce, gas e rifiuti: non spetta a tutti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp