Aston Martin investirà 220 milioni di euro in Formula 1

Lawrence Stroll ha elaborato un piano per Aston Martin per investire circa 220 milioni di euro nel team di Formula 1

Lawrence Stroll ha elaborato un piano per Aston Martin per investire £ 200 milioni – circa € 223 milioni al tasso attuale – nel team di Formula 1 nei prossimi cinque anni. Come riportato dal quotidiano The Mail di domenica, il magnate canadese – padre di Lance Stroll – ha “spianato la strada” affinché l’Aston Martin possa permettersi un investimento di svariati milioni di dollari nel team di F1. Va ricordato che il consorzio guidato da Lawrence Stroll ha assunto il controllo delle azioni di Aston Martin in cambio di quasi 200 milioni di sterline alla fine di gennaio, in un’operazione che ha praticamente salvato la società.

Lawrence Stroll ha elaborato un piano per Aston Martin per investire circa 220 milioni di euro nel team di Formula 1

Il marchio britannico, nel frattempo, una volta confermato l’arrivo di Stroll, ha annunciato che sarebbe tornato in Formula 1 dopo decenni di assenza, anche se in realtà sarà semplicemente un cambio di nomenclatura per Racing Point. Ora, sempre secondo il suddetto quotidiano, Stroll ha plasmato la tabella di marcia di Aston Martin in modo che possano investire 200 milioni di sterline nel team di Formula 1 entro cinque anni. All’interno della squadra, l’ottimismo trabocca riguardo al futuro dell’Aston Martin in Formula 1.

Senza andare oltre, lo stesso Otmar Szafnauer ha rivelato che l’obiettivo è quello di essere in lotta per podi e vittorie entro tre anni. Naturalmente, la crisi del coronavirus ha peggiorato di molto i dati finanziari della casa automobilistica quest’anno, ma Lawrence Stroll ha il suo piano per investire un discreto numero di milioni nel team di Formula 1.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Gran Premio di Gran Bretagna ancora incerto a causa di possibili nuove misure di quarantena


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp