Attenzione! Baccalà sbiancato con la calce, venduto per Natale

Baccalà sbiancato con la calce e non solo, ecco cosa sta succedendo prima delle Feste Natalizie nel nostro Paese

La Guardia Costiera ha fatto un maxi sequestro di baccalà che veniva messo in vendita per le Festività Natalizie. Si parla di oltre 80 tonnellate di pesce che in alcune aziende era già scaduto da diversi anni, in altre invece il baccalà veniva sbiancato con la calce.

Baccalà contaminato e privo di tracciabilità

La Guardia Costiera ha scoperto un giro d’affari illegale agghiacciante. Grazie ad un controllo sui prodotti di mare che vengono messi sul mercato alimentare in occasione delle Feste di Natale, è stata smascherata un’illegalità mai vista.

Leggi anche: Allarme mercurio nel pesce, ecco marca e lotto

Questa illegalità, per i consumatori non porta altro che pericolo per la salute e per l’ambiente. Praticamente c’è chi metteva in vendita datteri di mare in modo illegale, chi importava pesce privo di ogni tracciabilità, altri invece cercavano di far passare come pesce fresco, il pesce che era già congelato da tantissimo tempo, e chi addirittura sbiancava il baccalà con la calce.

Sanzioni, sequestro di oltre 80 tonnellate di pesce e 7 ordinanze di custodia cautelare

Inimmaginabile pensare una cosa del genere, invece questo è quello che hanno scoperto le forze dell’ordine nelle ultime settimane. È stato scoperto un carico di 78 datteri di mare al confine con la Slovenia, la vendita di questo prodotto è assolutamente vietata perché danneggia gravemente le rocce in cui crescono.

A Taranto, scatta subito le manette per 7 uomini appartenenti ad un’organizzazione che rubava poi metteva in vendita mitili contaminati.

Leggi anche: 6 Tonnellate di pesce venduto in Italia: salmone, totani, pesce spada e tranci di tonno, non idoneo al consumo

Maxi sequestro

Le Forze dell’ordine hanno sequestrato 3,5 tonnellate di polpo, seppie, e calamari da un’azienda a Bisceglie, i prodotti venivano commercializzati nonostante erano scaduti 8 anni fa. A Catania invece, sono state sequestrate 6 tonnellate di pesce contaminato. All’interno di un’azienda che si occupa di produzione e commercializzazione di prodotti ittici viene scoperta una cosa folle. Sacchi interi di calce idrata che veniva usata per sbiancare il baccalà.

Il nostro consiglio è quello di fare massima attenzione a tutto quello che comprate, e di assicurarsi che il prodotto alimentare acquistato abbia la tracciabilità.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.