Aumenti pensione 2019: torna la rivalutazione e si alzano le pensioni per 3 fasce di reddito

Dal 1 gennaio 2019 aumento pensioni per le rivalutazioni su 3 fasce di reddito, vediamo in quali percentuali.

Dal 1° gennaio 2019 entreranno in vigore le nuove regole per la rivalutazione dei trattamenti previdenziali con i quali i trattamenti pensionistici saranno adeguati all’eventuale inflazione. In questo modo le pensioni degli italiani manterranno inalterato il loro potere d’acquisto prevedendo un aumento degli importi degli assegni pensionistici.

Aumento pensioni 2019: rivalutazione su 3 fasce di reddito

Si ricorda, però, che l’adeguamento riguarderà tutte le pensioni con l’esclusione dei trattamenti superiori a sei volte il minimo, così come stabilito dalla Corte Costituzionale.

La perequazione, bloccata dalla Legge Fornero nel 2011, e reintrodotta nel 2013 con una fase transitoria fino al 2016 prorogata fino al 2018, torna dal 2019.

Sono stati stabiliti, fino al 2018 5 scaglioni di reddito con percentuali di rivalutazione e potevano beneficiare del 100% soltanto i trattamenti inferiori a 3 volte il minimo Inps.

Dal 2019 gli scaglioni torneranno a essere 3, scaduta la fase transitoria, infatti, si torna alle percentuali previste dalla legge 388 del 200 che prevede:

·         rivalutazione al 100% per pensioni inferiori a 3 volte il trattamento minimo;

·         rivalutazione al 90% per pensioni comprese tra 3 e 5 volte il trattamento minimo;

·         rivalutazione al 75% per pensioni superiori a 5 volte il trattamento minimo.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.