Aumento Iva: costerebbe 242 euro a famiglia per la CGIA

Quanto costerebbe alle famiglie italiane l’aumento dell’Iva nel 2019?

Se il governo non dovesse riuscire a scongiurare l’aumento dell’Iva per il 2019, le ripercussioni economiche su ogni famiglia italiana sarebbe di 242 euro.

A riferirlo la CGIA secondo le cui stime i rincari saranno di 284 euro a famiglia al Nord, 234 al Centro e 199 euro a famiglia al Sud.

Se entro dicembre, quindi, non si recupereranno i 12,4 miliardi necessari l’aliquota ordinaria, ora al 22%, passerà al 24,2% mentre quella ridatta, attualmente al 10%, passerà al 11,5%.

Evitare l’aumento dell’Iva

Bisogna assolutamente evitare l’aumento dell’Iva – afferma il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo – non solo perché colpirebbe in particolar modo le famiglie meno abbienti e quelle più numerose, ma anche perché il ritocco all’insù delle aliquote avrebbe un effetto recessivo per la nostra economia. Il 60% del Pil nazionale è infatti riconducibile ai consumi delle famiglie. Se l’Iva dovesse salire ai livelli record previsti, per le botteghe artigiane e i piccoli commercianti sarebbe un danno enorme, visto che la stragrande maggioranza dei rispettivi fatturati è attribuibile alla domanda interna”

Se non verrà evitato l’aumento, tra le altre cose, l’Italia diventerà il Paese con l’aliquota Iva ordinaria più alta dell’Eurozona.

Unica volta che l’Iva in Italia è stata ridotta è stato 45 anni fa, nel 1973, da allora è aumentata 9 volte di 10 punti percentuali, un record che nessuno ci invidia.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.