Aumento pensione di invalidità, mi spetta o no e cosa devo fare?

Aumento assegno di invalidità a 651,51 euro: non tutti gli invalidi ne hanno diritto e spetta solo dai 18 ai 60 anni. Scopriamo i casi.

La sentenza delle Cote di Cassazione del 24 giugno 2020 ha stabilito che sia ingiusto l’importo di 286 euro erogato a titolo di pensione di invalidita agli invalidi civili totali e che per loro spetti l’incremento al milione che porterebbe, di fatto, l’importo erogato mensilmente quasi a triplicare raggiungendo i 651,51 euro mensili. Ma a chi spetta questo aumento ratificato anche nella conversione in legge del Decreto Rilancio e compreso anche nel Decreto Agosto?

Aumento pensione di invalidità

Una lettrice, scrive per chiedere:

Buonasera, mi chiamo V., sono nata in provincia di Napoli  e dal 2005, che mi sono  trasferita in  Veneto, e tredici  che  vivo a Venezia, volevo sapere  se anche  aspetto l’aumento dell’invalidità perché sono  invalida 85% e la ricevo dal 2015 prendo l’invalidità però il il governo  la vuole  aumentare invalidità mi aspetta  anche a me l’aumento! Visto che mi hanno diagnosticato un cancro  maligno al seno l’anno scorso  ho avuto  un un’intervento, e speriamo  bene, mi aspetta anche  l’aumento, se si dove devo andare al’Inps.

Purtroppo l’aumento previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale e, poi, voluto anche dal Governo riguarda soltanto gli invalidi con percentuale al 100% che abbiano

  • reddito personale annuo non superiore al valore di 8.469,63 euro
  •  reddito coniugale annuo ( somma dei redditi dei coniugi) pari a 14.447, 42 euro

Nel suo caso, quindi, l’aumento può spettare solo nel caso che richiede una revisione della sua invalidità civile e che la stessa venga aumentata al 100% poichè agli invalidi civili all’85% l’aumento non viene riconosciuto.

Un’altra lettrice scrive per chiedere:

Buongiorno,vorrei avere informazioni circa l’assegno d’invalidità che percepisco.Ho 76 anni e sono invalida al 100% con accompagno, ma il mio assegno è inferiore all’importo di circa 280 euro previsto.Vorrei sapere a cosa è dovuta questa  diminuzione e anche se avrò diritto all’aumento previsto con il DL di Agosto o a qualche altro tipo di aumento.

L’aumento dell’assegno di invalidità agli invalidi civili al 100% spetta soltanto per invalidi con età compresa tra 18 e 60 anni (poichè da 60 a 67 anni l’incremento al milione era già riconosciuto anche prima della sentenza).

Al compimento dei 67 anni, infatti, l’assegno di invalidità civile per gli aventi diritto si trasforma in assegno sociale (che non rientra nell’aumento). Se il beneficiario, invece, ne aveva i requisiti, sempre al compimento dei 67 anni può accedere alla pensione di vecchiaia.

Pur percependo, lei, l’accompagnamento ed essendo invalida al 100% non ha diritto all’aumento previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale poichè avendo 76 anni non rientra negli invalidi che ne hanno diritto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.