Aumento pensione di invalidità: spetta a tutti gli invalidi civili totali?

A chi spetta l’aumento della pensione di invalidità stabilito dalla sentenza del 24 giugno della Corte Costituzionale?

LA recente sentenza della Corte Costituzionale, dello scorso 24 giugno, ha stabilito che l’importo erogato agli invalidi civili totali con età compresa tra i 18 ed i 60 anni, è incostituzionale poichè non permette di far fronte alle spese per la sussistenza e per lo svolgimento dei normati atti quotidiani del disabile. Proprio per questo la Consulta ha stabilito che per tutti gli invalidi civili totali che rispettino i limiti di reddito imposti, possano vedere la propria pensione di invalidità integrata al milione.

Aumento pensione di invalidità

Fino a prima della sentenza della Corte Costituzionale l’incremento al milione spettava solo agli invalidi che avessero compiuto i 60 anni di età. La Consulta però, ha evidenziato come i bisogni di un invalido di 20, 59 o 60 anni siano, alla fine, gli stessi, prevedendo l’incremento al milione anche per i titolari di invalidità civile con percentuale al 100% dai 

Mia moglie e titolare di pensione di invalidità  al 100% dal 2017 con riconoscimento di indennità di accompagno sempre dal 2017 chiedevo se le spetta l’aumento non ha altri redditi tranne l’abitazione principale al 50% di una modesta abitazione che condivide con me  e non possiede altri redditi grazie per una vostra cortese risposta cordiali saluti.  Ps.chiedo se devo presentare qualche domanda all’INPS grazie

L’aumento spetta, come abbiamo detto, agli invalidi civili al 100% con età compresa tra i 18 ed i 67 . L’aumento è vincolato anche al reddito personale dell’invalido che non può superare i 6713,98 euro annui.

Restano esclusi, quindi, dall’aumento stabilito dalla Corte Costituzionale tutti gli invalidi civili al 100% con reddito personale compreso tra 6713,98 e 16.982,49 euro annui  (quest’ultimo è il limite di reddito annui per avere diritto all’invalidità civile con importo normale).

Se sua moglie, quindi, con l’esclusione dell’abitazione principale ha redditi inferiori a 6713,98 euro annui (si riferisce esclusivamente ai redditi dell’invalido e non del nucleo familiare di cui fa parte), ha diritto all’integrazione al milione e a vedersi riconoscere una pensione di invalidità mensile di circa 650 euro mensili.

Non c’è bisogno di presentare alcuna domanda, l’aumento avviene in modo automatico e viene pagato dallINPS a tutti gli aventi diritto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.