Aumento retribuzioni in busta paga dal 1° luglio, è ufficiale

Aumento busta paga nel 2020 fino a 600 euro e dal 2021 fino a 1.200 euro annui, 100 euro al mese in più, è ufficiale pubblicato in G.U.

Aumento delle retribuzioni in busta paga per effetto del taglio del nucleo fiscale. Il decreto-legge numero 3 /2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 29 del 05 febbraio  2020 sul taglio al cuneo fiscale che prevede aumenti per i lavoratori in busta paga. Analizziamo in breve di quanto aumenterà lo stipendio dei lavoratori.

Aumento in busta paga da luglio 2020

L’aumento scatterà dal 1° luglio 2020 per un soglia di reddito fino a euro 28.000 si introduce un “trattamento integrativo” con un importo di euro 600 fino al 31 dicembre 2020. Questo importo poi nel 2021 arriverà a euro 1.200 (100 euro al mese in più).

Sopra la soglia dei redditi fino a 28.000 euro, vi è la soglia fino a euro 40.000 di reddito, che invece, prevede per i soli sei mesi del 2020 (luglio – dicembre) una detrazione fiscale equivalente di circa euro 480 rimodulati. Questo valore è decresce fino ad arrivare alla somma di 80 euro per i redditi di euro lordi 35.000.

Infine, l’agevolazione scompare del tutto con una soglia reddituale di 40.000 euro.

Per approfondire la notizia, consigliamo di leggere: 500 euro in più in busta paga con il taglio del cuneo fiscale: ecco per chi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”