Autovelox intelligenti, multe anche per chi sosta in doppia fila, le novità

Arrivano gli autovelox intelligenti capaci di multare anche le auto in sosta in doppia fila. I primi saranno utilizzati a Roma.

Nuovi autovelox intelligenti, per multare gli automobilisti che parcheggeranno la loro auto in doppia fila. Il nuovo sistema, arriva a Roma, a deciderlo la Commissione Trasporti romana.

Si presentono tempi duri per i furbetti dei parcheggi, infatti in arrivo i nuovi autovelox intelligenti, che saranno capaci di sanzionare anche le auto che sostano in doppia fila.

Come rende noto il presidente della commissione Trasporti Enrico Stefano, il provvedimento servirà a contrastare un fenomeno che aumenta sempre di più: “La sicurezza stradale è in cima alle nostre priorità e, grazie all’assestamento di bilancio votato a luglio scorso, nel giro di poche settimane la Polizia Locale Roma Capitale potrà utilizzare nuovi autovelox ‘intelligenti‘, che serviranno anche a sanzionare le soste in doppia fila. Questi dispositivi vanno ad aggiungersi agli street control, utilizzati a bordo delle auto dei nostri vigili urbani proprio per colpire le auto che parcheggiano in doppia fila, davanti ai cassonetti o alle fermate dei mezzi del trasporto pubblico” .

L’obiettivo è quello di aumentare la sicurezza stradale ed evitare ingorghi.

Multa per guida in stato di ebbrezza, niente sanzioni e sospensione della patente, le novità

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”