Babà rustico con salsiccia, friarielli e provola

Oggi prepariamo insieme, la ricetta del babà rustico con salsiccia, friarielli e provola, perfetto da portare in tavola come pasto unico per una cena, preparato poi con pasta madre e lievitazione lunga; è più soffice e digeribile

Babà rustico salsiccia e friarielli; una bontà unica che conquista già dal primo morso. Si tratta, della versione salata del classico babà dolce. Fatto da un impasto morbido e soffice, farcito appunto con salsiccia e friarielli saltati prima in padella e poi inseriti nel composto con la provola, tagliata in cubetti.

Babà rustico salsiccia, friarielli e provola

Il babà rustico salsiccia, friarielli e provola è una preparazione che viene dalla cucina napoletana; la versione rustica del famoso dolce, ed è veramente gustoso. Perfetto per una cena, infatti è da considerarsi un pasto completo, lo si può accompagnare solo semplicemente da verdure. Può essere inoltre anche un ottimo antipasto e perché no, arricchire un buffet per una festa. Come detto già prima, l’impasto è morbido e soffice, tra l’altro preparandolo con pasta madre e lievitazione lunga, lo è ancora di più, mantenendo la sua sofficità per qualche giorno, ovviamente sempre se vi avanza; facendo un prefermento con lievito naturale la sera precedente. Prepariamo insieme il babà rustico.

Ingredienti: per uno stampo da 28 cm

  • Farina tipo 0 600 gr
  • Latte 300 gr
  • Uova 1
  • Miele 1 cucchiaino
  • Olio di semi di arachidi 80 gr
  • Parmigiano 50 gr
  • Sale
  • Lievito – prefermento (60 gr di pasta madre+ 100 gr d’acqua +100 gr di farina)
  • – oppure 10 gr di lievito di birra fresco  oppure 3 gr di quello secco
  • Pepe

Ingredienti ripieno

  • Salsiccia 3
  • Provola 200 gr
  • Friarielli 2 fascetti
  • Aglio
  • Olio extravergine
  • Peperoncino
  • Sale

Preparazione del babà rustico

La prima cosa da fare per preparare il babà rustico, è cucinare i friarielli e la salsiccia. Pulite e lavate i fascetti di friarielli e fateli saltare in padella con aglio olio, peperoncino e sale. Intanto che cuociono, preparate anche la salsiccia, mettetele in un’altra padella, private del budello con un po’ d’olio e fatele rosolare. Appena i friarielli sono quasi pronti tagliate in pezzi la salsiccia e uniteli insieme; facendoli insaporire, ancora per qualche minuto di cottura. Spegnete e fate raffreddare tenendoli da parte.

Adesso passiamo all’impasto del babà rustico

Preparate un prefermento, la sera prima miscelate i 60 gr di pasta madre con l’acqua e la farina, ottenendo una specie di pastella, un po’ più densa, coprite e fate lievitare tutta la notte; ma comunque ci vorranno dalle sei alle dodici ore, ma questo dipenderà dalle temperature. Il prefermento è pronto, quando comincia a fare delle fossette, segni di cedimento e si può impastare. Potete anche utilizzare il lievito di birra facendo allo stesso modo, però i tempi in questo caso si accorciano e, va invece preparato di mattina, oppure lo si può inserirlo direttamente nella farina; ma il risultato finale del babà rustico, cambia.

Nella planetaria inserite, il prefermento, il latte e il miele e fate sciogliere, potete anche decidere d’impastare a mano. Aggiungete adesso la farina man mano, poi l’uovo, l’olio e il formaggio; tutti gli ingredienti vanno aggiunti quando il precedente è assorbito, per ultimo inserite il sale, senza esagerare poiché la salsiccia è già saporita e unite anche  il pepe. Impastate bene il tutto e inserite poi il ripieno e la provola, tagliata in cubetti. Stendete in un rettangolo e poi, arrotolate e chiudete a ciambella, formando così  il babà rustico sistematelo in uno stampo da 28 cm, imburrato e infarinato, tenete in luogo riparato e fatelo lievitare fino al raddoppio. Infornate poi in forno già caldo a 160/180° per 40/50 minuti, questo dipende dalla potenza del proprio elettrodomestico; fate sempre prova stecchino. cottura babà rusticofette di babà rustico

babà rustico in fette

Guarda anche: Casatiello napoletano, ricetta del tradizionale rustico di Pasqua

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.